/ Cronaca

Cronaca | 10 febbraio 2020, 22:25

Tentato omicidio in via Tarcento a Busto: arrestato il marito della donna accoltellata alla gola e al petto

Emergono nuovi particolari sulla mattinata di sangue di questa mattina. L'uomo, 83 anni, si era spontaneamente consegnato ai carabinieri. Le indagini di polizia di Stato e militari dell'Arma hanno ricostruito l'accaduto e portato all'arresto dell'uomo con l'accusa di tentato omicidio. L'anziano si trova ora in psichiatria

Tentato omicidio in via Tarcento a Busto: arrestato il marito della donna accoltellata alla gola e al petto

Coltellate alla moglie dopo una lite, arrestato per. tentato omicidio il marito. E' finito in manette l'uomo di 83 che questa mattina si è consegnato ai carabinieri dopo aver colpito con alcuni fendenti la moglie (leggi QUI). 

Tutto è iniziato intorno alle 9.40 di questa mattina in un’abitazione di via Tarcento. A chiamare le pattuglie del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio sono stati gli operatori del 118, che, chiamati a soccorrere una donna, non riuscivano ad entrare in casa, perché tutti gli ingressi erano sbarrati. Dopo aver richiesto l’ausilio dei Vigili del Fuoco, che hanno forzato una finestra, poliziotti ed i soccorritori intervenuti, hanno trovato nell’appartamento la proprietaria di casa, una settantottenne, ferita e ricoperta di sangue, che sgorgava copioso da tagli al volto, collo, torace e addome.

L’anziana vittima, prima di essere portata in ospedale, dove è stata ricoverata in prognosi riservata, ha riferito che ad accoltellarla era stato il marito, che, subito dopo, si era allontanato chiudendola in casa. Immediatamente i poliziotti hanno verificato che l’uomo, un ottantatreenne, si era presentato spontaneamente nella caserma dei carabinieri di Busto dove, in modo piuttosto confuso, aveva confessato di aver colpito la moglie con il coltello, che aveva ancora in tasca.

A questo punto poliziotti e carabinieri, coordinati dal pm della Procura della Repubblica di Busto Arsizio, hanno proseguito le indagini congiuntamente arrestando l’anziano in flagrante tentativo di omicidio. Si sta accertando se ad armare la mano dell’uomo siano stati problemi di natura neurologica o psichiatrica, mai fino ad ora certificati. Il mancato uxoricida, terminate le formalità di legge, è stato ricoverato nel reparto psichiatrico dell’ospedale.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore