/ Varese

Varese | 29 gennaio 2020, 14:01

Piazza Repubblica è sicura? Per il consiglio comunale sì. E boccia il presidio fisso di polizia locale

È stata respinta la mozione con cui si chiedeva un controllo h24 della piazza da parte degli agenti di polizia locale. Zanzi: «Inutile allarmismo», ma Forza Italia risponde compatta: «L'amministazione ignora il problema sicurezza»

Piazza Repubblica è sicura? Per il consiglio comunale sì. E boccia il presidio fisso di polizia locale

Sono divergenti le opinioni dei consiglieri comunali sulla centralissima Piazza Repubblica. Da una parte c'è l'opposizione che denuncia il degrado, i bivacchi e la paura dei varesini nel frequentare la zona «in cui si spaccia, si beve, volano sampietrini e si molestano verbalmente le donne».

Dall'altra c'è la maggioranza che vede invece la situazione molto migliorata (leggi qui) da quando si è iniziato a lavorare ad un controllo congiunto di tutte le forze dell'ordine. E da quando si sta affrontando la questione degli "occupanti" della piazza come un problema sociale e non solamente come un fenomeno da reprimere.

Ragion per cui la mozione del consigliere di Forza Italia Piero Galparoli (leggi qui) è stata bocciata e il presidio fisso di polizia locale rimandato, forse, a dopo l'insediamento del mercato in piazza Repubblica, che avverrà presumibilmente in primavera. 

Forza Italia però non ci sta e con un comunicato congiunto, i consiglieri Simone Longhini, Piero Gaparoli e Domenico Esposito criticano la decisione di non appoggiare un provvedimento che non definiscono politico ma operativo.  

«La bocciatura della nostra mozione è la dimostrazione di quanto poco questa amministrazione tenga alla sicurezza, argomento invece che a noi sta molto a cuore e che metteremo in cima al programma elettorale – commentano - Un presidio fisso di polizia in piazza Repubblica poteva e doveva essere un efficace deterrente ai tanti episodi di microcriminalità che lì si verificano, ma anche una riposta concreta alle giuste lamentele e preoccupazioni di chi si trova a vivere, lavorare o semplicemente a passare da una delle principali piazze di Varese e oggi si sente insicuro».

I consiglieri denunciano il distacco dalla realtà della maggioranza «dimostrando inadeguatezza e incapacità di venire incontro ai problemi reali dei varesini. La città chiedeva questo intervento non riusciamo a capacitarci del perché abbiano voluto bocciare il provvedimento».

Valentina Fumagalli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore