/ Storie

Storie | 25 gennaio 2020, 09:42

Il varesino Mauro Porcini da New York: «Ragazzi, pensate in grande e guardate il mondo con gli occhi di un bambino»

Lo chief design officer di PepsiCo non dimentica la sua terra ("Ciao Varese") e da New York lancia un messaggio agli studenti ma non solo: «Viaggiate, leggete e ascoltate le persone senza arroganza, con la mente aperta. Siate affamati, l'ispirazione è ovunque. Cercate un mentore e chiedetevi cosa farebbe lui nei momenti delle decisioni»

Mauro Porcini, il terzo da destra, ha postato questa foto da New York con la scritta: "Ciao Varese". Le radici non si dimenticano

Mauro Porcini, il terzo da destra, ha postato questa foto da New York con la scritta: "Ciao Varese". Le radici non si dimenticano

Mauro Porcini, varesino e chief design officer di PepsiCo, non dimentica le sue radici e coltiva un rapporto speciale con i giovani: così, dopo aver postato una fotografia dall'alto di un grattacielo in cui saluta la nostra provincia ("Ciao Varese"), condivide sul suo profilo alcuni consigli per gli studenti che vogliono diventare designer che, in realtà, valgono un po' per tutti. Con semplicità e in modo diretto, Porcini arriva così al cuore dei ragazzi e non solo (il testo è tradotto dall'inglese).

Mi è stato chiesto di condividere "tre consigli che gli studenti interessati a diventare designer dovrebbero conoscere" per un summit sull'innovazione dedicato ai giovani talenti. Questo è quello che ho risposto. E sì, lo so, questi consigli si applicano a qualsiasi professione e a qualsiasi percorso di vita. E la lista potrebbe essere molto più lunga, ma ho dovuto sceglierne solo tre.

1. Sii curioso. Viaggia, leggi, ascolta le persone, senza arroganza, con una mente aperta, e per lo più guarda il mondo che ti circonda con gli occhi curiosi di un bambino, ora e per il resto della tua vita, con quello stesso tipo di eccitazione, affamati del nuovo, a caccia di ciò che nessun altro riesce a vedere, come l'ispirazione è ovunque. Potrebbe essere nel microcosmo, le fantastiche forme e movimenti della natura, nello stile e nell'outfit inaspettato di un adolescente nel tuo quartiere, in un libro vintage in una biblioteca, nel mix tra natura e architettura in un villaggio vicino a casa tua. L'ispirazione parte da lì e risiede nella tua capacità di guardare il mondo con gli occhi di bambino per tutta la tua vita.

2. Identifica un mentor. Non ha bisogno di essere una persona che vive accanto a te e con cui ti metti in contatto. Sarebbe l'ideale, ma non necessario. Potrebbe essere qualcuno che ammiri e rispetti, che puoi seguire online, attraverso conferenze, interviste, attraverso i post sui social media, attraverso i libri. Lascia che questo mentore ti ispira.
Una cosa che ho fatto molte volte in passato con i miei mentori è questa: quando ho avuto una decisione critica di prendere - dai grandi propositi di vita fino in fondo al modo migliore per rispondere ad una mail difficile - mi sono chiesto "cosa farebbe questa persona se lui/lei fosse nei miei panni, in questa situazione?". Il vantaggio di avere un mentore virtuale che segui da lontano è che potresti averne di diversi per dimensioni diverse della tua vita. Un mentore di design, un mentore d'affari, un mentore spirituale, e molto altro...

3. Sogna e pensa in grande! Pensare in grande non richiede più sforzo. Si gioca su scala più grande e non è facile, ma avere successo quando pensi in piccolo non è facile. Se vinci quando pensi in grande si vince alla grande! Ed è un sacco divertente.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore