/ Varese

Che tempo fa

Cerca nel web

Varese | 11 gennaio 2020, 18:33

Pista indoor di Calcinate: niente tribuna e il pubblico sta fuori. Galparoli: «L'impianto è nuovo e fa già acqua». De Simone: «Non ci è arrivata nessuna segnalazione»

Proteste da parte degli spettatori che oggi sono arrivati da tutta la regione per assistere ad una gara di atletica indoor e non sono potuti entrare perché l'impianto non è dotato di tribuna e mancano le autorizzazioni. L'assessore allo sport: «Diteci cosa non va e ne parliamo»

Pista indoor di Calcinate: niente tribuna e il pubblico sta fuori. Galparoli: «L'impianto è nuovo e fa già acqua». De Simone: «Non ci è arrivata nessuna segnalazione»

La nuova pista indoor di atletica di Calcinate, inaugurata da pochi mesi, comincia a registrare una serie di criticità. Nonostante le sia stato assegnato un premio come migliore struttura in Italia (leggi qui), a livello pratico non sarebbe così funzionale

A sottolinearne le criticità sono gli stessi atleti che la utilizzano e lo fanno a margine di una gara che si è svolta tra le polemiche anche del pubblico. Genitori e spettatori provenienti dalla regione e oltre non hanno potuto assistere alla prima parte della manifestazione sportiva perché non c’erano le autorizzazioni. Solo dopo le proteste, anche vive, l’area intorno alla pista è stata transennata e le persone sono state fatte entrare. 

«Per essere una struttura nuova fa già acqua da tutte le parti – dice il consigliere forzista Piero Galparoli, che ha raccolto le istanze degli utenti – Nel vero senso della parola, quando piove le infiltrazioni d’acqua dalle finestre arrivano fino in pista. E poi è inutilizzabile per alcune tipologie di gare: manca la copertura della buca del lungo, i segni per gli ostacoli e il salto in alto lo possono fare solo i bambini».

Problemi tecnici che per i non esperti di atletica sono di difficile comprensione, «ma per gli atleti sono fondamentali – insiste il consigliere di Forza Italia - Un impianto del genere non serve a nulla. Paradossalmente era meglio prima, anche per gli allenamenti: ora è sempre chiuso e inutilizzabile».

Alla modifica degli orari di apertura dell’impianto l’amministrazione sta già lavorando «perché mi è stata segnalata l’esigenza – spiega l’assessore Dino De Simone – Tutto il resto mi giunge nuovo. Nessuno ci ha mai segnalato tutte queste criticità per cui, come sempre facciamo, avremmo cercato una soluzione».

Per quanto riguarda la possibilità del pubblico di assistere alle gare «l’impianto non ha le tribune e non è stato progettato per ospitare pubblico – sottolinea De Simone – Nonostante questo, se ci avessero sottoposto la questione, avremmo pensato ad un escamotage senza andare contro le norme di sicurezza». 

Anche i problemi strutturali riferiti da Galparoli giungono nuovi all’amministrazione. «Ci aspettiamo ora che siano le associazioni sportive a riferirceli – conclude l'assessore allo sport – Sono sempre aperto al dialogo».

Valentina Fumagalli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore