/ Come noi

Come noi | 07 dicembre 2019, 01:11

Donati all'Istituto dei Tumori di Milano 50.000 euro. Nel nome e nel ricordo di Eleonora

La onlus "Eleonora Cocchia Vivere a colori" ha consegnato al primario Maura Massimino un assegno con l'intero ricavato delle iniziative del 2019. La presidente Nadia Rossin: «Grazie ai volontari e agli amici che ci sostengono»

Donati all'Istituto dei Tumori di Milano 50.000 euro. Nel nome e nel ricordo di Eleonora

Un mega assegno - come dimensioni e come importo - è stato offerto all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. La donazione è arrivata domenica 24 novembre, il giorno del compleanno di Eleonora Cocchia - la 17enne che ci ha lasciato due anni fa a causa di un raro e aggressivo tumore - da parte della fondazione in suo nome e ricordo, la onlus "Eleonora Cocchia - Vivere a Colori" fondata da mamma Nadia e papà Luca. 

Proprio loro, insieme ai tanti amici che hanno voluto intervenire al Green Fantasy di Castiglione Olona, hanno consegnato al primario Maura Massimino l'intero ricavato delle iniziative di raccolta fondi organizzate nel 2019: l'importo è stato di 50.000 euro. 

«Ringrazio tutti i volontari e gli amici che sempre ci sostengono - le parole di Nadia Rossin - Io e mio marito Luca abbiamo sempre un caro pensiero per le tante persone che ci accompagnano nelle iniziative che proponiamo. Grazie a loro e tutto il territorio, all'amministrazione comunale di Tradate, al sindaco Bascialla, al suo vice Accordino e al nostro assessore, la dottoressa Martegani, per il sostegno e l'aiuto che non ci hanno mai fatto mancare. Grazie poi alla Pro Loco di Tradate, all'Avis Tradate, Quelli delle Ceppine e a tutti coloro che da sempre ci sostengono».  

L'assegno è stato consegnato e servirà all'Istituto Nazionale dei Tumori per studiare nuovi farmaci e cure per la patologia che ha colpito Eleonora, ma le iniziative della onlus non sono finite: per tutte il mese di dicembre, ogni sabato pomeriggio dalle 14.30, in corso Bernacchi a Tradate sarà organizzato il consueto mercatino e uno spazio Babbo Natale per la consegna delle letterine da parte dei bambini. 

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore