/ Economia

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia | 03 dicembre 2019, 11:55

Aime fa rete con Fidilink e Groupama: al via un servizio di credito senza intermediazione bancaria

Presentata oggi un’importante novità per le piccole e medie imprese: «Un aiuto per finanziare progetti di investimento e innovazione»

Da sinistra Michele Manzoni di Fidilink, il presidente di Aime Armando De Falco, Paolo Foresio e Daniela Minari dell'Agenzia Centro di Groupama, il segretario generale di Aime Gianni Lucchina

Da sinistra Michele Manzoni di Fidilink, il presidente di Aime Armando De Falco, Paolo Foresio e Daniela Minari dell'Agenzia Centro di Groupama, il segretario generale di Aime Gianni Lucchina

L’importanza di collaborare e lavorare insieme con l’obiettivo di ottenere risultati utili e concreti per chi fa impresa. Lo spirito di Aime emerge ancora una volta dal nuovo progetto presentato nella mattinata di oggi, martedì 3 dicembre 2019, in concerto con Fidilink e Groupama

A introdurre le linee guida della collaborazione è il segretario generale di Aime, Gianni Lucchina: «Abbiamo portato a termine una ricerca insieme ai nostri partner sull’andamento del credito in Lombardia e nel nostro territorio, che ha evidenziato come le piccole e medie imprese continuino a soffrire l’onda lunga della crisi e registrino difficoltà nell’intercettare finanziamenti utili a crescere, investire e innovarsi. Così ci siamo chiesti: cosa possiamo fare di concreto per gli imprenditori? La risposta è quella che vi presentiamo oggi».

Il primo a prendere parola è Michele Manzoni, presidente di Fidilink, che curerà la parte creditizia del progetto. Un progetto il cui punto di forza è la possibilità di ottenere finanziamenti senza intermediazione bancaria: «La natura di Aime, un’associazione inter-settoriale di tipo verticale, che raccoglie tante categorie imprenditoriali, di cui fanno parte sia clienti che fornitori, è il valore aggiunto da portare ai finanziatori: la vera conoscenza dell’azienda e delle sfide che deve affrontare. Si parla spesso di dati qualitativi, ma pochi riescono a valorizzarli: in questo caso possiamo farlo grazie alla raccolta di quelle informazioni decisive per concedere il credito. Il valore aggiunto che Fidilink mette a disposizione è la possibilità di dare credito velocemente ed è questo il segnale che vogliamo dare: siamo vicini a chi vuole investire, a chi vuole crescere. Una filosofia che potevamo realizzare solo con un’assocazione come Aime». 

Nel progetto è coinvolta anche l’Agenzia Centro di Groupama, rappresentata dal socio Paolo Foresio: «Ci siamo uniti volentieri e con entusiasmo perché Aime è un’associazione sempre propositiva verso i suoi associati, che ha grande attenzione per tutto il tessuto imprenditoriale. Noi ci affianchiamo a Fidilink proponendo ulteriore sicurezza all’imprenditore. Lo facciamo attraverso una polizza vita puro rischio, che intende togliere qualsiasi problema a eredi e/o soci nel caso in cui si possa, malaugaratamente, verificare la morte o l’invalidità permanente dell’imprenditore che ha sottoscritto il prestito. Al verificarsi di questa situazione, Groupama liquiderà la somma necessaria a chiudere il debito in essere. Punto ulteriormente favorevole è che la polizza potrà essere completamente finanziata attraverso il prestito concesso all’azienda». 

A concludere e tirare le fila del discorso il presidente di Aime, Armando De Falco: «Il nostro interesse è promuovere il senso del bello, della crescita, dell’investimento per migliorare il territorio e la vita di tutti i cittadini; un discorso che passa ovviamente anche dall’azione dei piccoli e medi imprenditori. Ringrazio Fidilink e Michele Manzoni in particolare, che sta lavorando molto bene per mettere in relazione le imprese con chi eroga il credito. E lo stesso faccio con Groupama e in particolare con Paolo Foresio, che ha aderito con entusiasmo al progetto. L’obiettivo di Aime, come sapete, è quello di fare rete: anche oggi, grazie all’ottimo lavoro di Gianni Lucchina, aggiungiamo un altro tassello al nostro percorso. Dimostriamo ancora una volta che con la buona volontà si possono fare grandi cose anche in pochi. Fare rete è fondamentale per proporre qualcosa di utile agli associati: qui abbiamo migliaia di piccoli e medi imprenditori che operano sul territorio e lo arricchiscono con uno sforzo quotidiano impagabile. Imprenditori che spesso non hanno il tempo di occuparsi degli aspetti legati al credito e al microcredito: con questo servizio intendiamo raggiungerli e dare loro una mano per finanziare investimenti e progetti di innovazione».

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore