/ Politica

Cerca nel web

Politica | 21 novembre 2019, 21:33

LA NOVITA'. Nasce "Azione" con un obiettivo: dare rappresentanza ai riformisti. Cinque circoli in provincia

Carlo Calenda, Matteo Richetti e tanti altri lanciano una nuova sfida politica. Già cinque circoli in provincia a Varese, Gallarate, Sesto Calende, Solbiate Arno e Cairate

Oggi, 21 novembre 2019, nasce Azione

Oggi, 21 novembre 2019, nasce Azione

E' nato oggi, 21 Novembre 2019, "Azione" con un obiettivo spiegato nel comunicato che sancisce questa novità politica: «Dare rappresentanza ai riformisti che - strattonati da una parte all’altra - si ritrovano a non aver realmente un partito di riferimento»

Carlo Calenda, Matteo Richetti e tutti gli amici «che in questi mesi si sono con generosità avvicinati, hanno raccolto questa sfida che vogliono caratterizzare con la loro competenza e coerenza: senza coerenza la politica è fatta solo per garantire i soliti noti».

In provincia di Varese sono già presenti i circoli di Varese (referente Andrea Di Salvo), Gallarate (Referente Luigi Bassani), Sesto Calende (Referente Sacha Bianchi), Solbiate Arno (Referente Armando De Falco), Cairate (referente Alberto Marcolli) e altri nasceranno nelle prossime giornate.

Nelle settimane a seguire il partito locale si presenterà attraverso momenti aperti così da coinvolgere tutti quelli che vorranno aderire. Adesso il primo obiettivo è quello del 30 novembre con la prima importante iniziativa a Roma sulla Sanità. 

Qual è l’obiettivo di Azione? «Offrire proposte concrete per riformare seriamente il nostro Stato e consentirne il rilancio di Paese moderno. Per questo da oggi è possibile anche aderire al partito andando sul sito ufficiale www.azione.it per iscriversi (con un contributo minimo di 10 euro)».

«Su tutto il territorio nazionale si stanno attivando i circoli che già con "Siamo Europei" hanno lavorato nei mesi scorsi per radicare il movimento e che oggi costituiscono la prima colonna portante del partito che è aperto e quindi in questa fase inclusiva tutti sono chiamati a informarsi, riconoscersi e partecipare». 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore