/ Territorio

Che tempo fa

Cerca nel web

Territorio | 19 novembre 2019, 14:28

Botteghe storiche, una serata con Conferesercenti: «Non solo negozi, ma punti di riferimento per la comunità»

Otto gli esercizi commerciali della provincia di Varese premiate nel corso di una serata: Gigante di Vares, Ilop di Cunardo, L’Arte del Fiore di Vergiate, L’Oasi delle bevande di Venegono Superiore, Mazzucchelli Calzature di Besnate, Pizzeria Santa Lucia di Varese, Ristorante Bella Napoli di Varese e Rossi d’Angera ad Angera

Botteghe storiche, una serata con Conferesercenti: «Non solo negozi, ma punti di riferimento per la comunità»

Oltre a quarant'anni di incessante attività: è questa la speciale caratteristica che accomuna le aziende presenti a “STOREtelling… imprese da raccontare”, l’appuntamento annuale di Botteghe Storiche di Lombardia, realtà fortemente voluta dai vertici di Confesercenti regionale della Lombardia per supportare e sostenere le più longeve attività del territorio.

L’incontro che si è svolto nel corso della mattinata di lunedì 11 novembre nella splendida cornice dello spazio Copernico S32 a Milano, ha visto l’intervento delle più alte cariche istituzionali di Confesercenti: la Presidente Nazionale Patrizia De Luise insieme all’Assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia Alessandro Mattinzoli ed ai vertici di Confesercenti hanno premiato le 45 attività imprenditoriali protagoniste della giornata.

L’evento e consequenzialmente la realtà Botteghe Storiche di Lombardia rappresentano il mezzo con cui la Confesercenti si prefigge l’obiettivo di porre, all’attenzione delle istituzioni e dell’opinione pubblica, l’importanza di tali aziende per il loro valore non solo economico ma soprattutto sociale e culturale per il tessuto urbano cittadino: sono dei veri e propri punti di riferimento per le comunità locali, delle istituzioni che fanno parte dell’anima delle città in cui risiedono. Botteghe storiche di Lombardia vuole quindi dar voce a quelle storiche vetrine che animano le nostre città e rappresentano un patrimonio comune da tutelare, non solo come imprese, ma anche come tesoro identitario.

Un’iniziativa importante che celebra l’eccellenza imprenditoriale e conferma la stretta connessione tra territorio e attività economiche. In particolare, con negozi ed esercizi di vicinato che, più di qualunque altro tipo di impresa, giocano un ruolo fondamentale di presidio sociale e di valorizzazione sostenibile delle nostre città e dei nostri centri storici.

«Una rete che le buone amministrazioni locali devono sostenere e valorizzare - scrive Confesercenti in un comunicato - perché garantisce sviluppo economico e lavoro al territorio. Inoltre, la tradizione e la storicità possono essere preziosi elementi di competitività. Premiando queste imprese storiche vogliamo rendere merito a quegli imprenditori che, con coraggio e tenacia, hanno voluto proseguire la loro attività, nonostante le tante difficoltà del mercato che ben conosciamo, facendo leva sui propri valori e sulla propria storia. Una strategia che si è rivelata vincente e che, per questo, merita di essere sostenuta e valorizzata».

Lo stesso Assessore allo Sviluppo Economico di Regione Lombardia, Alessandro Mattinzoli, sostiene che puntare sulla tradizione è fondamentale per costruire il futuro: è il segno che tradizione e innovazione procedono molto bene insieme. Attraverso il passaggio generazionale, attraverso la capacità di saper coniugare l'evoluzione con il valore storico, si possono vincere anche le sfide peggiori. Regione Lombardia si è dotata anche di una norma specifica a riguardo proprio perché riconosce nelle botteghe storiche il valore e l’importanza sociale e culturale.

Per la provincia di Varese sono state premiate le seguenti attività storiche le quali per festeggiare il comune traguardo si sono ritrovare proprio ieri sera alla Pizzeria Santa Lucia di Varese. Si tratta di:

✴ Gigante dal 1967 - Varese
✴ Ilop dal 1977 - Cunardo
✴ L’Arte del Fiore dal 1952 - Vergiate
✴ L’Oasi delle bevande dal 1959 - Venegono Superiore
✴ Mazzucchelli Calzature dal 1960 - Besnate
✴ Pizzeria Santa Lucia dal 1961 - Varese
✴ Ristorante Bella Napoli dal 1952 - Varese
✴ Rossi d’Angera dal 1847 - Angera 

Loro, come le altre imprese premiate, hanno l’opportunità di richiedere presso gli organi preposti regionali l’accreditamento con il quale verranno iscritte nell’elenco regionale delle attività storiche e di tradizione, riceveranno il marchio identificativo e potranno avere accesso alle misure di sostegno previste dalla legge.

Le candidature per tale procedura sono altresì aperte a qualsiasi attività con una storia continuativa da almeno 40 anni e che rispetti i requisiti definiti dagli organi direttivi della Regione. Confesercenti Regionale Lombardia sede territoriale di Varese sta già seguendo le botteghe storiche premiate lunedì 11 novembre che desiderano accreditarsi presso la Regione ed è disponibile a supportare tutte quelle imprese che vorranno provare ad ottenere tale riconoscimento. 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore