/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 10 novembre 2019, 13:53

Brescia manda al tappeto Varese grazie ai tiri liberi (ma non solo...): 91-74. Caja: «Poco sia dai titolari che dalla panchina»

Brescia manda al tappeto Varese grazie ai tiri liberi (ma non solo...): 91-74. Caja: «Poco sia dai titolari che dalla panchina»

Una marea di falli fischiati da una terna che ha scelto un metro molto fiscale (tutto sommato, sia da una parte che dall'altra), gite in lunetta decisive per Brescia (33/35), Peak - tra i pochi "in palla" - fuori per cinque falli con ancora 2 minuti da giocare nel terzo quarto, poca sostanza generale da parte dei biancorossi e divario che si è allargato via via (-10 all’intervallo, -12 a fine terzo quarto) fino al 91-74 finale: ecco il film di Brescia-Varese. 

Al Palaleonessa è arrivata così la seconda sconfitta consecutiva dopo quella incassata al Forum di Milano. Domenica prossima, alle 17, finalmente si torna all’Enerxenia Arena: l’avversario è tosto - Venezia… -, Masnago dovrà dare una grande mano ai biancorossi per scrollarsi di dosso due ko pesanti nel punteggio e negativi anche sotto il profilo delle prestazioni individuali. 

A condizionare la gara, come detto, i falli di Peak: il quinto, ovviamente, ma soprattutto il terzo e il quarto, arrivati in sequenza quando all’intervallo mancavano ancora 6’47’’ da giocare. La scelta di lasciare in campo Peak dopo il terzo fallo arrivato così presto ha lasciato qualche dubbio in presa diretta; Caja, in conferenza stampa, ha motivato la scelta come una “necessità”, visto il poco impatto avuto dalla panchina. Il tecnico, a fine partita, è apparso comunque contrariato da tutta la prestazione di squadra, quintetto titolare e panchina senza distinzioni. Eloquente in tal senso la frase sui 21 punti di Mayo: «Una delle statistiche più bugiarde mai viste».  

Prima di rivivere la partita, una meritata nota di colore sulle tifoserie. Bella, viva, rumorosa (e da brivido l’inno delle squadre sportive bresciane cantato a squarciagola da uomini, donne e ragazzi in curva prima della partita) quella di casa, sempre splendida la rappresentanza del Basket Siamo Noi, tutti vicini nel settore ospiti, tutti biancorossi dalla testa ai piedi, con tanto di megafono e cori lanciati per sostenere la Pallacanestro Varese. 

PRIMO QUARTO

Varese in campo con la maglia… del Milan, si comincia con lo scontro che infiamma i cuori varesini: Cain attacca, Simmons lo contiene e non gli permette i due punti. Dalla parte opposta il primo canestro è di Peak, da dietro l’arco nell’angolo. La risposta bresciana è affidata al “nemico” Moss e alla tripla di Lansdowne, Vene e Mayo non si scompongono e rispondono presenti: 4-8 in avvio, che diventa 7-8 (Vitali) e 7-11 (Peak).  Mani bollenti da dietro l’arco per Lansdowne e Vene, la bomba del nostro numero 9 chiama il timeout di Esposito (5’11’’ dalla fine, 10-14). 

Le squadre che non segnano quasi più, poi Mayo con una bomba delle sue fa 14-19 (1’ dalla fine) e due ottimi liberi di Simmons dicono 16-21 (25’’). Gli ultimi due punti del quarto li mette Abass dalla linea della carità: 18-21 dopo 10’. 

STATISTICHE PRIMO QUARTO 

Buon avvio di Peak e Vene (6 punti a testa con 2/3 da 3 per entrambi), 7 punti per Mayo, 2 anche per Simmons che aggiunge 4 rimbalzi (2 in attacco e 2 in difesa). Per i biancorossi 50% (5/10) da 3. Tra i biancazzurri i migliori sono Lansdowne e Abass (6 punti a testa). 

SECONDO QUARTO 

Nessun canestro per 2’, poi Vitali in penetrazione appoggia alla tabella il 20-21. Dalla parte opposta Peak spreca da sotto ma, sul rimbalzo della calamita Simmons, mette la bomba dall’arco per il 20-24. 

Grosso problema per Varese: lo stesso Peak - positivo fin qui - commette il suo terzo fallo, ma Caja non lo toglie; sull’azione successiva il numero 3 si fa fischiare pure il quarto dopo appena 3'13'' di secondo parziale. Mentre entra Clark al suo posto, con i due liberi di Lansdowne il punteggio è 24-24. Varese chiama timeout e ragiona su come risolvere questa grana. 

Al rientro, come se non bastasse, Clark vede fischiarsi il suo terzo fallo: stavolta Caja cambia e va dentro Natali, con Tambone, Mayo, Vene e Simmons. Rischio di altra pioggia su Varese: Simmons nel traffico cerca la palla, poi cade e resta sul parquet tenendosi il ginocchio. Apprensione nel pubblico biancorosso, gli sportivi applausi di Brescia quando il numero 11 si rialza, ma è per andare in panchina; dentro Ferrero. 

Timeout Esposito, sospiro di sollievo per noi: Simmons corricchia dietro la panchina e sembra stare bene. La conferma arriva subito con il rientro in campo. Una bomba di Jakovics dopo una grande circolazione rimette punti nel tabellino di Varese (30-29, 3’45’’ dall’intervallo) ma una schiacciata in contropiede di Abass dà il massimo vantaggio a Brescia e fa esplodere il Palaleonessa (36-29, 2’ all’intervallo): per Varese si fa dura. 

Una bomba di Jakovics all’ultima azione è ossigeno puro: 43-35 all’intervallo. 

STATISTICHE SECONDO QUARTO

Detto del pesante quarto fallo di Peak (con 9 punti all’attivo), Varese è scesa nelle percentuali da tre: 8/21 dopo il 5/10 del primo quarto. 8 punti per Mayo (1/5 da 3), 6 - tutti nel secondo parziale - per Jakovics (con 2/6 da 3). Buon impatto di Natali, soprattutto in difesa (e a rimbalzo: 3). Dalla parte opposta trascinatore Abass, unico in doppia cifra fin qui nelle due squadre. Le 7 palle perse di Brescia permettono a Varese di avere ancora qualche speranza. 

TERZO QUARTO

Il primo canestro, dopo quasi 2’ di gioco, è una schiacciata di Abass, sul possesso successivo segna anche Laquintana e Caja deve fermare il gioco (47-35, 2’21’’ giocati), per poi rischiare la carta Peak, subito a segno con la sua classica penetrazione di potenza sulla linea di fondo (47-37). A 4’42’’ dalla sirena c’è anche il quarto fallo di Clark, mentre Varese perde terreno lasciando canestri “facili” in penetrazione agli avversari (Brescia tocca il +14). 

La Openjobmetis ha però il merito di provarci ancora, in particolare con Jakovics e un battagliero Ferrero: sul rimbalzo offensivo del capitano, Esposito chiama il timeout sul 58-48 a 2’41’’ dalla terza sirena.

Nel successivo attacco della Leonessa arriva il quinto fallo di Peak: Varese non avrà a disposizione il suo numero 3 per 12’, entra Natali. Il divario resta pressoché immutato, con Brescia che è saldamente al comando: 66-54 al 30’. 

STATISTICHE TERZO QUARTO

Il solco tra le squadre è tutto costruito ai tiri liberi: 24/26 per Brescia, 9/12 per Varese. Più di un dubbio sulla direzione arbitrale, a tratti eccessiva nella fiscalità.  

QUARTO QUARTO 

Pronti, via e Brescia scappa sul +15 (71-56) ma Varese ci prova ancora, trascinata da un Natali volenterosissimo e di grande supporto per i compagni: Mayo mette la bomba del -9 (7’30’’ alla fine) e i biancorossi sono ancora, con diritto, sul parquet. Anche capitan Ferrero ci mette del suo, con la bomba che scrive il 75-67 a 5’30’’ dalla fine. 

Varese ci crede ancora, alza ulteriormente l’intensità difensiva ma è una tripla di Moss dall’angolo, piuttosto casuale, a spegnere le residue velleità di rimonta: 80-67 che diventa 82-67 con gli (ennesimi) tiri liberi segnati dai biancazzurri. 

Il risultato finale è 91-74. 

STATISTICHE FINALI

Il conto liberi alla fine dice 33/35 per Brescia e 13/17 per Varese. Il miglior realizzatore biancorosso è Mayo (21), molti dei quali arrivati però a partita virtualmente chiusa; segue Jakovics (14), poi Peak e Vene (11). Onesto 36% da 3 per Varese (contro il 28% di Brescia), meno buono il 39% da due (11/28). Per Simmons 8 punti e 10 rimbalzi. 

IL TABELLINO

Germani Brescia-Openjobmetis Varese 91-74 (18-21, 43-35, 66-54)
BRESCIA: Zerini 8 (2/2), Warner 2 (1/2), Abass 19 (5/7, 0/4), Cain 4 (1/3), Vitali 7 (1/1, 1/3), Laquintana 11 (3/3, 0/3), Lansdowne 18 (2/5, 4/7), Dalcò, Guariglia, Horton 10 (1/3, 0/1), Moss 12 (4/4, 1/2), Sacchetti (0/1 da 3). All. Esposito.
VARESE: Peak 11 (1/3, 3/4), Clark 2 (1/3, 0/2), De Vita n.e., Jakovics 14 (1/1, 3/9), Natali 3 (0/1, 1/4), Vene 11 (0/2, 3/5), Simmons 8 (2/3), Seck n.e., Mayo 21 (4/9, 3/8), Tambone 2 (1/3, 0/2), Gandini, Ferrero 2 (1/3, 0/2). All. Caja.
Arbitri: Rossi, Perciavalle, Belfiore. 
NOTE - Da 2: B 20/30, V 11/28.
Da 3: B 6/21, V 13/36.
Tiri liberi: B 33/35, V 13/17. 
Rimbalzi: B 39 (8 in attacco), V 30 (12 in attacco, Simmons 10)
Assist: B 20, V 10 (Natali 4).
Palle perse: 10-12.
Palle recuperate: 7-1.
Usciti per 5 falli: Peak nel terzo quarto; Clark e Vene nel quarto quarto.
Spettatori: 3627. 

Su Legabasket risultati, classifica e prossimo turno: cliccate qui

Gabriele Gigi Galassi


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore