/ Italia e mondo

Che tempo fa

Cerca nel web

Italia e mondo | 10 novembre 2019, 14:17

Spettacolo e sapori a Grinzane Cavour. Asta mondiale del Tartufo Bianco d'Alba

Il principale evento benefico legato al pregiato fungo si svolge all’interno del Castello, sito patrimonio dell’Umanità Unesco. Lo scorso anno si era toccata quota 393.900 euro. A condurre l’asta Enzo Iachetti e Caterina Balivo. Collegamenti real time da Hong Kong, Singapore e Mosca

Spettacolo e sapori a Grinzane Cavour. Asta mondiale del Tartufo Bianco d'Alba

È ormai davvero tutto pronto per la ventesima edizione dell’Asta mondiale del Tartufo Bianco d’Alba. Così come vuole la tradizione, il principale evento benefico legato al pregiato fungo ipogeo si svolge all’interno del Castello di Grinzane Cavour, sito patrimonio dell’Umanità Unesco alla presenza di personaggi di spicco dell’enogastronomia, del mondo dello spettacolo, dell'imprenditoria e per la prima volta con il neo presidente dell’Enoteca Regionale Piemontese Cavour Roberto Bodrito, che ha recentemente raccolto il testimone dal senatore Tomaso Zanoletti.

 

A condurre l’asta Enzo Iachetti, attore comico e presentatore, storico “amico dell’asta”, attualmente impegnato nell'edizione 2019 di “Striscia la Notizia”, il tg satirico di Antonio Ricci in onda su Canale 5. Completa il “tandem” dei conduttori dell’Asta mondiale Caterina Balivo, confermata anche per questa edizione, dopo l'esordio dell'anno scorso quale presentatrice ufficiale dell'evento. Allo scrittore e giornalista Paolo Vizzari il compito invece di approfondire le tematiche enogastronomiche legate all'eccellenza dei prodotti del territorio.

L'edizione 2018 dell'Asta Mondiale del Tartufo Bianco d'Alba aveva fruttato complessivamente 393.900 euro, con il lotto finale conquistato da un imprenditore di Hong Kong per 85.000 euro. Destinatari delle somme raccolte, l'Istituto “Mother's Choice” di Hong Kong, la Fondazione Nuovo Ospedale Alba Bra Onlus e la famiglia di Alessandra, la bambina di Santa Vittoria d'Alba affetta dalla rarissima mutazione genetica IQSEC2. I proventi dell'Asta avevano inoltre contribuito ad avviare il progetto di ricerca della dottoressa Renieri del Policlinico di Siena finalizzato a sviluppare una terapia, nonché a sostenere progetti di inclusione scolastica per i bimbi colpiti da tale patologia.

Dalla sala di Grinzane Cavour, in diretta a partire dalle ore 13, si aprirà il collegamento con Hong Kong, dove l'Asta Mondiale del Tartufo Bianco d'Alba può contare sul consolidato sostegno dello chef tre stelle Michelin Umberto Bombana.

All'interno del suo ristorante “8 1/2 Otto e Mezzo Bombana” la metropoli orientale esprimerà il proprio apprezzamento per i lotti battuti, con l'obiettivo di portare sostegno attraverso i fondi raccolti all'Istituto Mother's Choice.

Per la prima volta partecipa all'evento anche la città-stato di Singapore, che insieme alla capitale russa Mosca contenderà alle altre due sedi, Grinzane Cavour e Hong Kong, il magnifico lotto finale costituito dal Tartufo Bianco d’Alba più bello e dai formati più importanti di Barolo e Barbaresco.

A Mosca, direttamente sulla Piazza Rossa, un pranzo d’eccellenza preparato dallo Chef Davide Corso del Bosco Cafe presso i Magazzini Gum sarà dedicato a Sua Maestà il Tartufo Bianco d’Alba.

A Singapore, l’entusiasmo per il territorio delle Langhe dello Chef Italiano stellato Beppe De Vito, proprietario di 5 ristoranti in Città, sarà catalizzatore presso l’iconica National Gallery del primo e storico appuntamento dedicato al Tartufo Bianco d’Alba nella capitale sud est asiatica.

Negli ultimi due lotti dell’Asta ci sarà anche una curiosità: due panettoni giganti al Moscato, di 10 kg e 20 kg, firmati da Albertengo, storica azienda di Torre San Giorgio, che ogni anno produce un milione e mezzo tra panettoni e colombe. Il Panettone al Moscato compirà trent'anni nel 2020 ed è rappresentativo della “piemontesità” degli Albertengo. 

Dal nostro inviato di Cuneo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore