/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 08 novembre 2019, 18:10

BATTAGLIA PER LA TRE VALLI. Oldani nella sede dell'Unione Ciclistica Internazionale per evitare il declassamento: «Abbiamo sostenuto la nostra storia»

Il presidente della Binda continua a lottare, non da solo, per evitare un'evidente ingiustizia come il declassamento di una delle bandiere mondiali del nostro territorio, esclusa inopinatamente dal nuovo circuito che raduna il gotha del ciclismo. «Riceveremo una risposta a brevissimo»

Renzo Oldani, secondo da destra, e gli amici della Binda oggi dai responsabili del settore strada dell'Unione Ciclistica Internazionale ad Aigle, in Svizzera, per fare valere le ragioni della Tre Valli

Renzo Oldani, secondo da destra, e gli amici della Binda oggi dai responsabili del settore strada dell'Unione Ciclistica Internazionale ad Aigle, in Svizzera, per fare valere le ragioni della Tre Valli

Renzo Oldani continua a lottare e a combattere una battaglia che non è solo sua ma di tutti perché la Tre Valli resti dove merita e cioè nella nuova categoria Pro Series, il gotha delle corse mondiali appena alle spalle delle gare World Tour (classicissime a tappe e in linea) da cui è stata inopinatamente esclusa.

Oggi il capo della Binda è stato infatti ad Aigle, in Svizzera, nella sede dell'Unione Ciclistica Internazionale per fare valere i diritti della corsa, che non è solo una corsa ma una delle bandiere mondiali della nostra terra e che compirà 100 anni proprio nel 2020. «Abbiamo fatto valere le nostre ragioni e quelle di ciò che rappresenta per tutti la Tre Valli» dice Oldani, che è stato accompagnato in Svizzera da Alberto Caleffi, Vittorio Ballerio e Benedetta Frattini

«In teoria la nuova decisione dovrebbe essere presa dopo il 10 gennaio - prosegue Oldani - ma non possiamo aspettare altri due mesi e quindi ci è stato garantito che la risposta ci verrà data in tempi brevissimi. Il concetto fondamentale che abbiamo sostenuto lo conoscete ed è sempre lo stesso: ci può essere stata qualunque cosa, ma ciò non può comportare il declassamento di una corsa come la nostra». Né dal punto di vista tecnico, né da quello regolamentare e, soprattutto, storico esiste un seppur minimo appiglio in grado di giustificare la bocciatura.

Per fare un esempio, tra i 54 eventi presenti nella nuova categoria di corse ci sono Trofeo Laigueglia, GP Industria e Artigianato, Tour of the Alps, Coppa Sabatini, Giro dell’Emilia, Coppa Bernocchi, Milano-Torino e Gran Piemonte ma non la Tre Valli.

Ad Aigle Oldani e gli amici della Binda hanno incontrato, tra gli altri, i massimi responsabili del settore strada dell'Uci come Tom Van Damme e Matthew Knigh. «Non voglio dire nulla - chiude Oldani quando gli chiediamo se è possibile essere ottimisti - perché è meglio così. Di sicuro abbiamo sostenuto orgogliosamente la nostra storia e le ragioni della nostra terra». E noi, oggi più che mai, sosteniamo Renzo Oldani, la Binda e la Tre Valli ma soprattutto la caparbietà con cui stanno lottando contro un'evidente ingiustizia. 

Andrea Confalonieri

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore