/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 06 novembre 2019, 11:30

FOTO. Guardate com'era il centro sportivo delle Bustecche ai tempi della Varese Giovanile: impossibile farlo tornare così?

Il campo centrale in perfette condizioni, gli spalti (oggi inagibili) pieni di gente, un pallone coperto per le partite dei piccolini e addirittura una bar in funzione. Un lettore ci scrive: «Mi piace ricordarlo così per rendere giustizia alla famiglia Barassi»

FOTO. Guardate com'era il centro sportivo delle Bustecche ai tempi della Varese Giovanile: impossibile farlo tornare così?

Il centro sportivo delle Bustecche, oggi in situazione critica con la tribuna inagibile e il resto di campi e spogliatoi bisognosi di cure, era un gioiellino. A testimoniarlo sono le foto inviateci da un lettore che si riferiscono ai tempi in cui la struttura era gestita dalla Varese Giovanile, cioè fino al 2015.

E proprio in queste foto si nota una struttura impeccabile: terreno del campo centrale a 11 in perfette condizioni, così come quello - sempre a 11 costruito su un terreno della Provincia - per gli allenamenti ma omologato anche per le partite nei giorni di pioggia, un pallone coperto per le partite dei piccolini (in un'immagine della fotogallery il derby tra Varese 1910 e Varese Giovanile) ma anche per gli allenamenti dei grandi, tribuna piena di gente, uffici funzionali e perfino un bar che adesso non c'è più, addirittura dotato di area griglia. E, per ultimi ma non perché lo fossero davvero, un parco sempre in ordine e un campo in terra per partite a 7 adiacente alla struttura coperta

«Mi sarebbe pubblicare le foto della struttura delle Bustecche quando è stata riconsegnata al Comune dalla famiglia Barassi - conclude il nostro lettore - per rendere un po' di giustizia a quanto hanno fatto». Pubblichiamo volentieri le immagini inviateci per sottolineare le potenzialità di una struttura che, se rilanciata e gestita adeguatamente, può ancora essere una preziosa risorsa per la città e per lo sport. Anche nel nome di chi l'ha reso grande, cioè la famiglia Barassi.

 

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore