/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 06 novembre 2019, 09:36

Ordina tramezzino e cinque prosecchi, ma non ha i soldi per pagare: il bar le offre lo spuntino a patto che non si faccia più vedere

E' successo a Luino. La donna prima ha richiesto una ricca colazione in un bar, i cui titolari hanno deciso di non denunciarla. Poi la stessa ha cenato al ristorante, anche in questo caso ammettendo poi di non poter saldare il conto. In entrambi i casi sono intervenuti i carabinieri.

Ordina tramezzino e cinque prosecchi, ma non ha i soldi per pagare: il bar le offre lo spuntino a patto che non si faccia più vedere

Ieri mattina i carabinieri di Luino sono intervenuti su richiesta di un bar della città per un episodio di insolvenza fraudolenta. Al loro arrivo hanno accolto la richiesta dei proprietari di identificare una signora di 40 anni che, in mattinata, dopo aver chiesto un tramezzino e cinque prosecchi ha risposto serenamente di non avere i soldi per pagare.

I titolari, a questo punto, per non denunciarla, hanno offerto la ricca colazione purché la donna non si facesse più vedere da loro.

Lo stesso episodio, però, si è ripresentato in serata presso un ristorante, sempre nel centro di Luino. Lì i militari hanno ascoltato la medesima richiesta dei titolari di identificare una donna che non aveva i soldi per pagare la cena. Al loro arrivo hanno constatato che si trattava della stessa 40enne, residente in provincia che, dopo aver consumato un abbondante piatto di cozze e vongole ed un bicchiere di bianco con 3 limoncelli, una volta presentato il conto di 50 € ha nuovamente esternato di non avere i soldi per pagare.

Davanti i militari la donna ha manifestato segni di malessere e per questo motivo è stata fatta giungere un’ambulanza del 118. Quindi anche in questo caso la donna si è allontanata dal locale senza pagare. Ora il titolare potrà valutare se presentare o meno la querela per insolvenza fraudolenta.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore