/ Come noi

Che tempo fa

Cerca nel web

Come noi | 06 novembre 2019, 13:10

Gran Galà in blu, la sfida ai fornelli che fa del bene conquista tutti: boom di iscrizioni. L’Associazione Articolo Tre: «Grazie di cuore»

La onlus che si occupa di disabilità e fragilità ha svelato i numeri della cena di sabato: «Dovevamo essere in 150, da 10 giorni siamo già più di 180. Durante la serata vi sveleremo dove useremo il ricavato. E per voi “chef” c’è una sorpresa davvero speciale»

Foto di gruppo per organizzatori e chef della terza edizione del "Gran Galà in Blu"

Foto di gruppo per organizzatori e chef della terza edizione del "Gran Galà in Blu"

Non è la prima volta che vi raccontiamo come Varese, quando conti, dimostri sempre di avere un grande cuore. Con grande felicità lo facciamo di nuovo oggi e lo rifaremo ogni volta che si presenterà l’occasione. Sabato sera, al De Filippi, si terrà la terza edizione del “Gran Galà in blu”, eventi di beneficenza organizzato dall’Associazione Articolo Tre in collaborazione con Aime.

Di cosa si tratta? Di una sfida in cucina tra quattro squadre (composte da tre persone) che realizzeranno una portata a testa: i politici proporranno gli antipasti, ai vigili del fuoco i primi, il team degli imprenditori cucinerà i secondi, ai giornalisti il compito di preparare i dolci. A guidare le squadre lo chef varesino Davide Aviano direttamente da Masterchef 7. 

Durante la serata Fo Siracusa e Simona D’Arcangelo intratterranno i presenti, mentre il gran finale lo offrirà il cabarettista di Colorado Cafè Roberto De Marchi; durante la serata ci sarà poi la musica di Fulvio Rosa ad accompagnare la splendida voce di Federica Ruiu

Il fine è l’aspetto più importante ed è quello raccontato nella conferenza stampa di questa mattina in Aime: «L’obiettivo di quest’anno lo sveleremo al Gran Galà - sorride Emanuela Romeo, presidente dell’associazione - Il ricavato delle prime due edizioni ci ha permesso di organizzare dei corsi sportivi per ragazzi con disabilità intellettiva insieme alla Fisdir (Federazione italiana sport paralimpici degli intellettivo relazionali): ragazzi autistici o con sindrome di down sono arrivati da tutta Italia per un torneo nazionale giocato sul nostro territorio. Quei fondi ci hanno permesso di portare qui tutti, anche pagando i biglietti aerei. Siamo stati molto orgogliosi»

La risposta di Varese ha commosso gli organizzatori: «L’incontro di oggi doveva servire anche per lanciare l’ultimo invito in caso ci fossero ancora posti disponibili - ha proseguito Emanuela Romeo - Invece già da 10 giorni siamo già al completo, anzi: siamo in “overbooking". Avevamo pensato a 150 invitati… E invece saranno almeno 180!». 

La grande soddisfazione dell’associazione Articolo Tre è espressa anche dal vicepresidente Francesco Marcello: «Lo dico una volta di più: siamo davvero orgogliosi di questa iniziativa nata tre anni, che si è sviluppata ed è cresciuta esponenzialmente. L’attenzione alla nostra attività è sempre più alta: siamo nati per aiutare la fragilità e questa serata sarà un momento importante di condivisione, ma anche di gioia e di festa. Siamo davvero felici». 

A fare gli onori di casa per Aime il segretario generale Gianni Lucchina e presidente del settore agroalimentare, Marco Colombo: «Sposiamo in pieno questo appuntamento - le parole di Marco Colombo - Siamo e saremo sempre al vostro fianco: a partire dal presidente Armando De Falco e proseguendo con tutti noi, siamo orgogliosi, pronti e felici di aiutare chi ha bisogno. Per quanto riguarda la gara, un avviso alle altre squadre: gli imprenditori vogliono vincere ancora!». 

In chiusura i doverosi ringraziamenti a tutti gli sponsor del Gran Galà in Blu: «Questa bella serata di beneficenza sarà possibile anche e soprattutto per l’aiuto di chi ci ha sostenuto - conclude Emanuela Romeo -: Aime, l’Associazione Panificatori Varese, Fantinato Group, Salumificio Colombo Gavirate, Sapori di Sicilia Varee, Tipografia Galli Varese e Tourlé Gazzada e Marchirolo che ci ha anche messo a disposizione una sede in comodato d’uso presso il ristorante di Gazzada. Ai partecipanti, a voi cuochi per un giorno e a tutti loro il nostro grazie di cuore». 

 

Gabriele Gigi Galassi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore