/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 03 novembre 2019, 19:26

Pallacanestro Varese, serviva la partita perfetta… Ma non c’è proprio stata partita: il derby è di Milano (93-69)

Percentuali tragiche al tiro per la squadra di Attilio Caja, che non può far altro che arrendersi contro il talento e le rotazioni milanesi. Prossimo sfida, domenica alle 12, a Brescia

I tifosi di Varese, bellissimi nello spicchio riservato agli ospiti con sciarpe e bandiere

I tifosi di Varese, bellissimi nello spicchio riservato agli ospiti con sciarpe e bandiere

DAL FORUM DI ASSAGO - Si viene al Forum sempre con la speranza di giocare la partita perfetta, l’unico modo per poter tenere testa a una squadra fortissima e piena di talento, lunga (come centimetri e ancor più rotazioni: centellinati sia Rodriguez che Scola) e con l’entusiasmo a mille (in Eurolega sta facendo sfracelli: 5 W, 1L, primi con Barcellona e Cska). 

Purtroppo, succede di rado. Di sicuro, non è successo stasera: Varese esce nettamente sconfitta dal derby contro l’Olimpia Milano (93-69), condannata anzitutto da un orribile percentuale da tre punti (22% gonfiato nell'ultimo quarto; dopo 30' era 5/30, 17%). 

La sconfitta ovviamente non cancella né modifica di una virgola quanto di buono (buonissimo!) fatto fin qui dalla truppa biancorossa, il cui conto è ora in pareggio (3 vittorie, 3 sconfitte). Ha ragione coach Attilio Caja, in sala stampa, a sottolineare la netta differenza tra le squadre e soprattutto il grande rispetto dimostrato da Milano oggi, come Sassari e Bologna prima: tutte e tre vincenti contro di noi perché più forti ma anche perché convinte già dalla palla a due di dover dare tutto contro un osso duro come la Openjobmetis (pensate: Ettore Messina, coach dell'Olimpia Milano il cui budget è 5 volte superiore al nostro, a fine partita ha dichiarato: «Temevo la difesa di Varese, una difesa da Eurolega»).

Prima di rivivere la partita, menzione d’onore per il pubblico varesino, caldo e bellissimo con sciarpe e bandiere nel settore ospiti. Ci vediamo a Brescia domenica prossima a mezzogiorno. 

PRIMO QUARTO

Caja entra al Forum con Mayo, Tambone, Peak, Vene e Simmons. Il primo canestro, da tre, dopo quasi 2’, lo mette Nedovic (3-0). Niente da fare invece per Tambone, trovato per due triple piedi per terra (più una marcato) che non vanno però a bersaglio. Dopo 4’ senza fare canestro, sotto di 7 e con Simmons che ha appena commesso il suo secondo fallo, Caja deve chiamare timeout.
Al ritorno in campo entra Clark, che sblocca Varese andando a rimbalzo e concludendo in sottomano (7-2). Due bombe di Moraschini - identiche… -, una tripla di Mayo e cinque punti di Vene (grazie a un ottimo Clark) impongono invece a Messina di fermare il gioco (13-10, 3’ 20’’ da giocare) e permettono al - numeroso - pubblico varesino di lanciarsi in uno spericolato «chi non salta milanese è!».
Da questo punto in avanti Milano procede segnando sempre dalla lunetta - tanti (troppi) falli fischiati alla Openjobmetis: 9 -, mentre Varese riesce a mettere punti solo a 1’ dalla fine con Peak (20-12). e all’ultima azione offensiva con Clark (23-14). La tripla di Brooks dall’angolo scrive il 26-14 del primo quarto

Da segnalare una foto di gruppo degli esordienti di Olimpia Milano e Pallacanestro Varese, che si erano sfidati prima dell’inizio della gara dei grandi. Un bel momento di fair play.

LE STATISTICHE DEL PRIMO QUARTO

Problema falli per Varese, con diversi fischi sgraditi e pure sgradevoli: 9 quelli commessi, con 2 per Peak, Clark, Simmons e Mayo. Proprio i liberi hanno aperto il divario tra le squadre: 10/13 per Milano. Pochi giocatori di Varese nel tabellino punti (4/8 da 2, 2/12 da 3): Vene 5, Clark 4, Mayo 3, Peak 2.

SECONDO QUARTO

Due su due dalla lunetta di Simmons al rientro (26-16), risposta di Biligha dalla parte opposta nel duello proprio contro il numero 11 (28-16). Ennesimo fischio contro Varese, con Ferrero si trasforma in una statua nello scambio di sguardi con l’arbitro, Biligha fa due punti e porta Milano a quota 30. Tripla di Mayo (30-19), due punti di Micov e due di Brooks scrivono il 34-19 dopo 4’ e chiamano il timeout di Caja. 

Fallo e tecnico a Micov, Mayo fa 3/3 ai liberi (34-22), poi Varese ha la forza di combattere e forzare il timeout di Messina (38-28, 2’20’’ dall’intervallo). Della Valle, al rientro, segna da dietro l’arco, Vene ne mette due in sottomano, Moraschini segna ancora dal suo angolo, Brooks da sotto: 46-30 all’intervallo

LE STATISTICHE DEL SECONDO QUARTO

Varese è davanti a rimbalzo (20-19) ma continua a tirare malissimo (3/20, 2/9 Mayo) e così al Forum è impossibile sperare in qualcosa. Vene e Maio gli unici vicini alla doppia cifra (9 a testa), situazione falli contenuta con il solo Peak a 3. Moraschini trascinatore nell’Olimpia (13 punti, 3/4 da tre tutte dall’angolo) e 9 punti per Brooks.

TERZO QUARTO

La seconda metà di partita si apre con una tripla Clark e un tecnico a Messina: Mayo trasforma, 46-34. Milano ha sempre però la possibilità di tenere sotto controllo la partita battendo liberi su liberi: 53-34 dopo i due trasformati da Gudaitis in occasione del quarto fallo di Simmons (6’ 11’’ alla sirena). 

Clark è tra i più positivi (canestro da 3 e tap-in nell’azione seguente), ma dalla parte opposta Rodriguez e Moraschini puniscono da dietro l’arco: 60-41 a 4’ dalla sirena. Sul +22 Caja ferma il gioco: i buoi sono già scappati, ma il coach vuole comunque onorare l’impegno fino in fondo. L’Olimpia però è un treno che non fa fermate: 74-45 alla fine del terzo quarto

LE STATISTICHE DEL TERZO QUARTO

Milano è scappata via grazie a percentuali stratosferiche, che porta avanti da tutta la partita: alla fine del terzo quarto il conto dice 62% dal campo, con il 55% da 3 (11/20) e 21/28 ai liberi. Varese tira invece con il 27% dal campo, di cui 5/30 da tre: facile capire dove sia stata la differenza (enorme) tra le due squadre.

QUARTO QUARTO

Si gioca solo per finire di consumare il tempo (tranne Caja, che chiama ancora il timeout a disposizione). Per la cronaca, il punteggio definitivo della partita è 93-69. Sarà per un’altra volta…

STATISTICHE QUARTO QUARTO

Se volessimo cercare una buona notizia, bussiamo alla prestazione di Clark, top scorer della Openjobmetis: 14 punti, 2/5 da 3, 25' in campo. 

IL TABELLINO

Olimpia Milano-Pallacanestro Varese 93-69 (26-14, 46-30, 74-45)
MILANO: Della Valle 8 (0/1, 1/2), Mack 2 (1/2, 0/3), Micov 7 (1/1, 1/2), Biligha 8 (4/4), Gudaitis 8 (2/3), Moraschini 17 (1/1, 4/6), Rodriguez 6 (1/3), Nedovic 10 (3/8 da 3), Cinciarini 11 (2/3, 1/1), Burns 5 (1/1 da 3), Brooks 10 (2/2, 1/1), Scola 1. All. Messina.
VARESE: Peak 13 (2/7, 1/5), Clark 14 (3/6, 2/5), De Vita n.e., Jakovics 4 (0/1, 0/2), Natali 3 (1/1 da 3), Vene 12 (3/5, 2/6), Simmons 11 (3/4), Seck n.e., Mayo 10 (0/1, 2/11), Tambone (0/1, 0/3), Gandini, Ferrero 2 (1/3, 0/4). All. Caja.
Arbitri: Begnis, Paglialunga, Nicolini.
NOTE - Da 2: M 13/18, V 12/28.
Da 3: M 13/27, V 8/37 .
Rimbalzi: M 31 (5 in attacco), V 37 (19 in attacco, Simmons 8)
Assist: M 23, V 13 (Mayo 4).
Palle perse: 10-12.
Palle recuperate: 6-3.
Spettatori: 7608. 

RISULTATI, CLASSIFICA E PROSSIMO TURNO

Gabriele Gigi Galassi


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore