/ Varese

Che tempo fa

Cerca nel web

Varese | 15 ottobre 2019, 09:29

LA FORZA E LA BELLEZZA DEL RICORDO. La leggenda degli Ossola, un centenario e quelle tre immagini che riempiono il cuore

Il grande giornalista e cultore della storia bosina Fausto Bonoldi rispolvera tre scatti senza tempo nel centenario della Gioielleria Ossola: in una Franco è all'Arena con Giuseppe Meazza, nella seconda Cicci è in piazza Monte Grappa per la promozione del Varese in A e nell'ultima Aldo, il Von Karajan del basket, ai tempi della Robur

Un giovanissimo Franco Ossola con la maglia della Varese Sportiva durante lo scambio di omaggi floreali all’Arena di Milano con il mito Giuseppe Meazza

Un giovanissimo Franco Ossola con la maglia della Varese Sportiva durante lo scambio di omaggi floreali all’Arena di Milano con il mito Giuseppe Meazza

Tre foto dal valore incalcolabile. Come i ricordi più belli. Nel centenario della Gioielleria Ossola (appena festeggiato, ma i cent'anni durano tutto il 2019 e, forse, per sempre) un grande giornalista e cultore della tradizione come Fausto Bonoldi ha pubblicato questa mattina nel gruppo "Vecchia Varese" alcune immagini davvero fenomenali e un suo ricordo senza tempo legato a una delle famiglie più leggendarie della città (il fondatore fu Giovanni Ossola, detto Gino; a uno dei suoi tre fratelli, il campionissimo Franco scomparso a Superga, è dedicato lo stadio; ai figli Aldo e Cicci, scomparso un anno fa, è legata la grandeur di basket e calcio).

«Nel centenario della Gioielleria Ossola immagini dei tre gioielli che la famiglia ha donato allo sport italiano - scrive oggi Fausto Bonoldi - Nella prima foto (sotto il titolo) un giovanissimo Franco Ossola, con la maglia della Varese Sportiva, durante lo scambio di omaggi floreali all’Arena di Milano con il grande Giuseppe Meazza; nella seconda (sotto nella gallery), Luigi (Cicci) Ossola, capitano del Varese, alla festa popolare in piazza Monte Grappa per la prima promozione dei biancorossi in serie A; nella terza (sempre sotto), il futuro campione della Ignis e della nazionale Aldo Ossola, quando militava nella Robur et Fides, fucina di grandi cestisti. All’avventura umana e sportiva dei tre fratelli Ossola è dedicato il libro scritto da Franco Giannantoni, Flavio e Vanetti e Franco Ossola jr., figlio del campione del Grande Torino perito nella sciagura di Superga il 4 maggio 1949, e pubblicato da Macchione nel 2016. Luigi ci ha lasciato il 7 luglio dell’anno scorso».

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore