/ Territorio

Che tempo fa

Cerca nel web

Territorio | 11 ottobre 2019, 16:11

Alla foce del Tresa si nasconde un tesoro naturalistico: un successo la giornata della Lipu a Germignaga

Glli appassionati hanno potuto osservare quattrocento esemplari di 31 specie diverse. Il sindaco Fazio ha sottolineato l'importanza della biodiversità in quest'area.

Alla foce del Tresa si nasconde un tesoro naturalistico: un successo la giornata della Lipu a Germignaga

E' stata un successo una delle tappe italiane della 26esima edizione dell’Eurobirdwatch, il più importante evento europeo dedicato al birdwatching e alla tutela degli uccelli migratori organizzato grazie al contributo della Lipu. L'appuntamento si è svolto nei giorni scorsi a Germignaga che, nella zona in cui il fiume Tresa si getta nelle acque del Lago Maggiore, ha regalato una bella mattinata di avvistamenti.

Binocoli e cannocchiali hanno permesso di osservare 31 specie, per un totale di 399 esemplari. Un pubblico attento, circa quaranta persone tra birdwatcher professionisti, appassionati e curiosi, ha aderito all’appuntamento alla foce del Tresa, zona di interesse naturalistico per la varietà di habitat in grado di favorire la nidificazione e il passaggio di moltissime specie.

Ad aprire la mattinata il saluto del primo cittadino Marco Fazio, sindaco di Germignaga e vicepresidente della Comunità Montana Valli del Verbano, che ha ricordato l’unicità dell’area, parte della Rete Natura 2000, vale a dire quella rete ecologica riconosciuta dall'Unione Europea come rilevante per la conservazione della biodiversità. E’ seguito poi un momento introduttivo sul birdwatching curato dagli esperti della Lipu, con consigli e informazioni tecniche per consentire anche ai meno avvezzi di prender parte alle osservazioni. 

L’evento, realizzato grazie alla collaborazione del Comune di Germignaga, rientra nell’ambito del progetto “Corridoi insubrici. Il network a tutela del capitale naturale insubrico” finanziato da Fondazione Cariplo e che vede la collaborazione tra Lipu, Parco regionale Campo dei Fiori e Comunità montana Valli del Verbano, con l’obiettivo di restituire al territorio insubrico quella continuità ambientale necessaria alla vita di molte specie. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore