/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 06 ottobre 2019, 21:43

Pro Patria, Mastroianni regala la vittoria contro gli storici rivali del Lecco: 1-0 allo Speroni

I tigrotti si rialzano dopo la ferita di Arezzo: partita in ritardo di mezz'ora per le maglie "sbagliate" degli avversari, poi il bomber segna e strappa tre punti preziosi per la banda di Javorcic

I tigrotti festeggiano il gol di Mastroianni, che ha deciso la partita

I tigrotti festeggiano il gol di Mastroianni, che ha deciso la partita

 La Pro Patria segna in ritardo rispetto alle abitudini casalinghe, ma per colpa del Lecco: non meriti di campo, bensì la partita è iniziata 19 minuti dopo a causa di “motivi tecnici” – così erano stati annunciati all’inizio –solo poi palesati. Gli avversari infatti hanno dovuto attendere le magliette per giocare: gialle invece delle bianche che avevano portato.

Così il gol di Mastroianni è arrivato al decimo minuto, ma in realtà gli spettatori (in 1.055 si sono presentati allo Speroni) erano già seduti da mezz’ora al loro posto. 

La febbre dei tigrotti si è avvertita a tratti, ma anche con prudenza, contro una squadra con cui si hanno tensioni storiche (ieri in tribuna all’appello c’era il presidente Di Nunno), tranne il “dolcificante” di due anni fa (quando la sua resistenza contro il Rezzato agevolò la promozione biancoblù). E in una partita con i tempi dilatati va segnato anche l’ingresso tardivo degli ultras: un quarto d’ora poco accademico, per protestare contro le limitazioni delle trasferte; «Avete rotto il calcio, trasferte libere» lo slogan esibito sullo striscione.

Le emozioni si vivono a tratti, anche se le occasioni di raddoppio per la Pro non mancano (i lecchesi attaccano senza concretezza invece). Brignoli ci va molto vicino già pochi minuti dopo. Da segnalare anche un prodigioso salvataggio a firma di Battistini, quando Tornaghi era uscito e Moleri ha cercato il colpaccio.
Sul finale altri sussulti, anche grazie ai cambi, ma il secondo gol non si è fatto vedere da parte tigrotta. Poco male, la Pro si guadagna tre punti, dopo la ferita ad Arezzo.

LA SALA STAMPA

Non solo tre (preziosi, rigeneranti) punti e una vittoria praticamente mai messa in reale pericolo: Ivan Javorcic ha più di un motivo per sorridere dopo Pro Patria-Lecco.

Il gruppo ancora una volta si è visto, respirato sul campo. In una partita il cui il tempo era falsato dalle vicissitudini tecniche lecchesi iniziali,  il metronomo l’hano messo i tigrotti.

A partire da giovani come Brignoli, che ha catturato lo sguardo e l’entusiasmo dei tifosi: «Quando un ragazzo così si applica - commenta ancora il mister  - passa avanti. Sono molto orgoglioso, contento di lui. Della squadra che manda questi messaggi». Brignoli ha preso una distorsione alla caviglia e poi è uscito abbastanza dolente, ha precisato l’allenatore, si vedrà nei prossimi giorni la sua condizione.

Si continua a lavorare, con la convinzione che il progetto si stia delineando con sempre maggiore chiarezza. Senza esaltarsi, perché l’umiltà resta l’ingrediente numero uno di questa squadra, di questo gruppo. 

Per i giocatori della Pro Patria in sala stampa parla Battistini, doppio protagonista: gol sfiorato e soprattutto gol lecchese sventato. «Peccato per la traversa – commenta il tigrotto – ma importante era riuscire a portare a casa il risultato». Anche la sua analisi è netta: « Abbiamo concesso il minimo indispensabile, e abbiamo “rischiato” di portare il risultato a 2/3-0. La difesa? Se non prendiamo gol, significa che fa bene» sorride. 

D’Agostino, subentrato in settimana a Gaburro sulla panchina del Lecco, chiede tempo e analizza senza alibi: «La squadra ha bisogno di lavorare su alcuni aspetti, compresi i movimenti della difesa. Il primo gol nasce dal rimpallo, ma anche da un posizionamento sbagliato difensivo. Dobbiamo accelerare il processo di appredimento. La Pro Patria? Una squadra calata nella categoria».

SERIE C - GIRONE A

I RISULTATI DELLA OTTAVA GIORNATA
Como-Giana Erminio 2-1, Novara-Pro Vercelli 0-1, Albinoleffe-Robur Siena 0-1, Gozzano-Carrarese 1-1, Pianese-Juventus U23 0-1, Pistoiese-Olbia 2-1, Pro Patria-Lecco 1-0, Alessandria-Pontedera 0-2, Arezzo-Monza 0-4, Pergolettese-Renate 0-1. 

LA CLASSIFICA
Monza 21, Alessandria 17, Renate 17, Pontedera 15, Novara 14, Carrarese 13, Robur Siena 13, Como 12, Pro Patria 12, Pro Vercelli 11, Pistoiese 10, Albinoleffe 9, Juventus 9, Pianese 8, Gozzano 8, Arezzo 8, Olbia 7, Lecco 6, Pergolettese 4, Giana Erminio 2. 

 

Marilena Lualdi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore