/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 06 ottobre 2019, 19:46

LE PAGELLE. L’Mvp che non ti aspetti si è guadagnato un contratto (anche se Lazzarenko…). Simmons è sostanza che ti nutre le cellule

I voti di Fabio Gandini dopo Varese-Fortitudo Bologna (83-60)

Jeremy Simmons ha dominato nei cieli di Masnago (foto Fabio Averna)

Jeremy Simmons ha dominato nei cieli di Masnago (foto Fabio Averna)

 

PEAK 6,5

I tabellini, regola non scritta della pallacanestro, sanno essere spesso e volentieri omertosi e bugiardi. Quello di L.J. Peak, nella domenica di grazia appena entrata nella soffitta dei ricordi più dolci, per esempio, racconta con dovizia di particolari una prestazione offensiva rivedibile (3 punti, 1/5 al tiro), sia nel fatturato che nella consapevolezza (di dover essere necessariamente un protagonista: serviranno i suoi punti…). Quello su cui tace del tutto è, invece, l’efficacia del nostro in difesa: fisico, fiato, abnegazione, su Aradori ma non solo. Non ingannino i 18 del Pietrone nazionale: quando c’era davvero da segnare, davanti aveva un muro.

TEPIC 6

Con un buco nel cuore, informiamo i nostri gentili lettori che la rubrica “Alla ricerca di una pagella per Tepic” è momentaneamente sospesa. Motivo? “Lazzarenko", oggi, si è alzato e ha persino camminato. Niente di trascendentale eh: una delle triple del festival balistico collettivo e un paio di rimbalzi.  Intendiamoci, signori: stiamo usando l’ironia come una forma di rispetto verso un giocatore che non è (e chissà se sarà mai…) più se stesso, non come un’arma. Anche perché, se dovessimo fare i seri, scriveremmo che tra due settimane, quando rientrerà Clark, la scelta su chi mettere in tribuna (e poi chissà dove…) per sovrabbondanza di stranieri dovrebbe essere facile.

JAKOVICS 9

Cosa fa un tiratore che fa 4/6 da tre? Forse si guadagna un contratto garantito per tutta la stagione… Il “Qualcosa è cambiato” generale vale anche e soprattutto per lui, l’mvp che non ti aspetti, una Pasqua anticipata, una bomba atomica - deflagrata sulla Fortitudo - meno attesa di quella di quel maledetto lunedì a Hiroshima. Perché poi non è nemmeno una questione solo di triple (e di giochi da 4 punti): pericolosità offensiva a tutto tondo e pressione difensiva che ha rivoltato la contesa come un calzino.

NATALI 6

Vivo, concentrato, sudato, persino poco cazziato rispetto al solito (ci è parso eh): Nico e il senso del dovere.

VENE 8

Ci mette un po’ a prendere la mira, va scritto. E l’impressione, tutta nostra per carità, rimane che non debba essere giocatore da 12/15 a partita: Dio gli ha regalato l’intelligenza cestistica che possiede per altri scopi. Quando però trova la mira, non sbaglia più un colpo. Consiglio: non focalizzatevi sui suoi canestri se volete passare una bella domenica, guardate il resto. Guardatelo passare, bloccare, ballare in difesa, mettere le mani al posto giusto e al momento giusto, tagliare, organizzare. Poesia.

SIMMONS 8

Manca di un soffio la seconda doppia-doppia consecutiva. Ma se i numeri sono un vezzo, la sua prova è invece sostanza purissima che ti nutre le cellule. Converte in punti quasi tutti i palloni che vede, è presente a rimbalzo (soprattutto offensivo), annulla completamente - soprattutto - il dirimpettaio gettonaro (Stephens, solo 2 punti segnati) che domenica scorsa si era permesso di fare la voce grossa contro i campioni d’Italia di Venezia. Mezzo voto in meno solo per l’1/5 ai liberi.

MAYO 7,5

La sua bomba da 9 metri allo spegnersi dei secondi nel primo tempo è valsa da sola abbonamento e biglietto. Per il resto, la sua è una domenica da capo che vede i suoi dipendenti lavorare bene e si limita ad amministrare, intervenendo di tanto in tanto. Il timing con cui alterna gestione e protagonismo è uno dei migliori visti da queste parti. E non disprezzeremmo nemmeno la sua difesa.

TAMBONE 7

Il Mat-te-o di oggi piace. A tratti anche molto. Come quando si sente un piccolo Danilovic e trafigge la Fortitudo con l’ennesimo “3+1” incassato della sua storia. O come quando rincorre con profitto gli avversari tenendo alte le gambe che ha. O come quando - ed è un inedito di quest’anno che prova l’esistenza di un ulteriore spazio di crescita - attacca il canestro con voglia.

GANDINI 5,5

Cinque minuti di fiato per Simmons: un tiro sbagliato che poteva mettere, qualche rimbalzo che doveva prendere. E ha preso. Il suo plus/minus, tuttavia, è l’unico negativo della squadra.

FERRERO 5,5

Giornata non appariscente per il capitano, che subisce un poco in difesa e non incide in attacco.

 

Fabio Gandini


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore