/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 02 ottobre 2019, 19:56

Dazi Usa, Isabella Tovaglieri (Lega) presenta un'interrogazione europea per la tutela di Grana Padano e Made in Italy

L'europarlamentare bustocco: «Stimiamo una perdita di 4.5 miliardi per le imprese italiane. In pericolo l'esportazione di 400mila forme di formaggio lombardo».

Dazi Usa, Isabella Tovaglieri (Lega) presenta un'interrogazione europea per la tutela di Grana Padano e Made in Italy

L’europlarlamentare bustocca Isabella Tovaglieri (Lega) ha presentato un’interrogazione alla Commissione Europea per sollecitare interventi a tutela del comparto agroalimentare italiano e lombardo, in particolare a sostegno del Grana Padano DOP, la cui produzione e commercializzazione rischia di essere fortemente penalizzata dagli annunciati dazi Usa sulle importazioni. 

«Il Grana Padano DOP, insieme a molti altri prodotti, è il simbolo della battaglia della Lega contro l’inasprimento dei dazi commerciali Usa, che vede un’Italia incolpevole stritolata nella guerra delle sovvenzioni in campo aerospaziale tra l’americana Boeing e l’europea Airbus, dal cui assetto societario il nostro Paese è peraltro escluso - ha dichiarato l’onorevole Tovaglieri - Abbiamo stimato che l’aumento dei dazi doganali provocherà una perdita di 4,5 miliardi di euro per le nostre imprese, che corrisponde a più del 9% dell’export italiano negli Stati Uniti. Il danno al sistema lattiero-caseario, e quindi all’economia nazionale, sarebbe gravissimo: il 40% circa del latte italiano viene infatti trasformato in Grana Padano e Parmigiano Reggiano e i prezzi dei due prodotti condizionano l’andamento del mercato del latte. Si temono pertanto pesanti ripercussioni sia a livello occupazionale sia riguardo il prezzo del latte all’ingrosso e al dettaglio». 

Della questione si è parlato a Bruxelles anche in occasione di un incontro tra gli eurodeputati e il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. «La Lombardia, che ogni anno esporta 400.000 forme di Grana Padano DOP, rischia di vedere azzerati i propri ordinativi all’estero, con serie conseguenze sull’economia locale, i posti di lavoro e i prezzi dei prodotti lattiero-caseari al consumo. Per questo chiediamo all’Europa di intervenire a sostegno del nostro territorio e delle nostre produzioni, che sono conosciute e apprezzate in tutto i mondo e non possono essere così gravemente penalizzate», ha concluso Tovaglieri, annunciando che gli eurodeputati della Lega hanno allo studio una serie di proposte da presentare in Commissione INTA (Commercio Internazionale) per tutelare il comparto agroalimentare e tutti i settori industriali italiani che rischiano di subire ingiuste penalizzazioni. 

Ecco il testo dell'interrogazione 

Come si evince da recenti dichiarazioni, l’Amministrazione statunitense sarebbe pronta a colpire un settore europeo importante come quello agroalimentare con corposi incrementi dei dazi sulle importazioni. L’Italia risulterebbe uno dei Paesi più colpiti da questa manovra, subendo una perdita stimata in 4,5 miliardi di Euro, ovvero più del 9% dell’export italiano negli Stati Uniti, con riflessi particolarmente gravi nel settore della produzione e dell’esportazione del formaggio Grana Padano DOP, specificità tipica italiana, di cui ogni anno vengono esportate 400.000 forme dietro ordinativi che in futuro rischiano di essere azzerati. 
Il danno al sistema lattiero-caseario – e quindi all’economia nazionale - sarebbe gravissimo: il 40% circa del latte italiano viene infatti trasformato in Grana Padano e Parmigiano Reggiano e i prezzi dei due prodotti condizionano l’andamento del mercato del latte. Si temono pertanto pesanti ripercussioni sia a livello occupazionale sia riguardo il prezzo del latte all’ingrosso e al dettaglio.

Si chiede alla commissione:
- Se e come la Commissione intende applicare forme di tutela per le le produzioni colpite e se intende collaborare e sostenere le amministrazioni nazionali e regionali italiane in questo specifico e settore economico.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore