/ Varese

Che tempo fa

Cerca nel web

Varese | 10 settembre 2019, 16:36

Scuola, conto alla rovescia per la prima campanella dell'anno

Giovedì mattina a Varese gli alunni di primarie, medie e licei torneranno in classe, raggiungendo i piccoli delle scuole dell'infanzia (283 iscritti) e degli asili nido (180 iscritti), attivi da inizio mese

Scuola, conto alla rovescia per la prima campanella dell'anno

Tutto pronto tra i banchi di scuola a Varese. Giovedì mattina gli alunni di primarie, medie e licei torneranno in classe, raggiungendo i più piccoli – scuole dell'infanzia e asili nido sono già attivi da inizio mese – e dando ufficialmente il pieno inizio all'anno scolastico 2019/2020. 

Se molti riflettori saranno accesi sulla nuova scuola Pellico, i veri protagonisti resteranno sicuramente tutti gli studenti della città, dai piccolissimi agli adolescenti. I numeri sono già in linea con gli scorsi anni e, soprattutto per quanto riguarda nidi e materne, possono ancora crescere nelle prossime settimane, con le iscrizioni ancora possibili per molti istituti.

«A tutti gli alunni, le alunne e alle loro famiglie – le parole dell'assessore ai Servizi educativi Rossella Dimaggio va il mio augurio per il nuovo anno di studi. Sulle nostre scuole stiamo investendo molto e questo perché siamo convinti che nelle aule si formi il futuro della nostra città e dell'intero Paese. La qualità degli istituti varesini è ottima e il nostro sforzo per mantenere e migliorare i servizi prosegue giorno dopo giorno, con l'impegno di garantire spazi e tempi adeguati sia al benessere dei più piccoli che alla tranquillità dei loro genitori. Il mio sentito ringraziamento va ai dirigenti scolastici, ai docenti e agli educatori che quotidianamente si prendono cura dei nostri bambini e ragazzi».

Per quanto riguarda le rette delle scuole dell'infanzia e degli asili nido resta invariato il sistema tariffario adottato lo scorso anno. Il Comune di Varese ha inoltre aderito alla misura regionale “Nidi Gratis 2019/2020”, che azzera la retta per i genitori residenti in Lombardia, lavoratori o che sono in possesso della dichiarazione di immediata disponibilità e del Patto di servizio personalizzato. 

Ma ecco un po' di numeri. Per le scuole dell'infanzia attualmente le sezioni aperte nelle strutture pubbliche sono 12, per un totale di 273 alunni. Numeri cui si devono aggiungere anche i dieci bambini del servizio “sezione primavera” di Avigno – partito lo scorso anno e che ha già raggiunto il tutto esaurito anche per la sua seconda edizione – e che potranno crescere fino al 31 gennaio, data di chiusura delle iscrizioni. Il totale (283) è comunque già pari a quello dello scorso anno, quando i piccoli varesini presenti nelle scuole dell'infanzia comunali furono 286. Le iscrizioni sono ancora aperte per gli istituti di Avigno, Bizzozero e San Fermo; l'attività didattica è cominciata il 2 settembre per quanti già frequentavano lo scorso anno, mentre martedì 17 inizieranno i nuovi iscritti. 

L'impegno di Palazzo Estense prosegue poi anche per quanto riguarda il sostegno alle sedici scuole dell'infanzia presenti a Varese: in virtù della convezione esistente, infatti, il Comune assegna a ciascuna di esse 1800 euro per ogni bambino iscritto e un contributo per l'assistenza di quanti hanno disabilità certificate.

Per quanto riguarda gli asili nido gli iscritti all'anno scolastico 2019/2020 nelle strutture comunali sono già 180; sarà però possibile iscriversi ancora fino al prossimo 30 settembre. Occhi puntati anche sul servizio partito l’anno scorso dedicato alle neomamme e ai loro bambini. Un luogo dove confrontarsi, fare ginnastica e massaggi con il proprio bambino, ricevere consigli sull’allattamento e molto altro. Le attività, completamente gratuite, riprenderanno a partire da lunedì 16 settembre e si svolgeranno presso la scuola dell'infanzia di Bizzozero. 

Le iscrizioni a prescuola, doposcuola e mensa saranno riaperte dal 16 al 20 settembre, mentre per quanto riguarda la mensa curricolare ci si potrà iscrivere da giovedì 12 a martedì 24. Il servizio mensa verrà attivato in tutte le scuole primarie e in due scuole secondarie di primo grado.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore