/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 07 settembre 2019, 00:00

Basket, Varese sfida Brescia e scopre Jakovics. Tepic: «Questa maglia la conosci e la ami da bambino»

Prima amichevole contro una squadra di A a Parma nel Torneo Bertolozzi (17.30). Nell’altra semifinale Virtus Bologna-Cantù. Domani finali alle 17.30 e 20.15

Basket, Varese sfida Brescia e scopre Jakovics. Tepic: «Questa maglia la conosci e la ami da bambino»

Stasera a Parma alle 17.30 contro la Germani Brescia nella prima sfida del Memorial Bertolazzi esordisce nell’Openjobmetis l’esterno lettone Ingus Jakovics, inserito in attesa del rientro dall’infortunio di Jaso Clark. Presente anche Simmons, che si è ripreso, mentre ieri è stata presentata l’ala serba Milenko Tepic negli uffici di Ada Vending srl, sponsor del club biancorosso.

Classe 1987, Tepic fa il suo esordio nel basket professionistico nel 2002 con la canotta del NIS Vojvodina, con la quale inizia una carriera brillante e ricca di trofei. Seguono poi il glorioso Partizan Belgrado, il Panathinaikos e l'arrivo in Italia prima a Capo d’Orlando poi a Brindis. Tornato al PAOK Salonicco, chiude la scorsa stagione a 7.3 punti in 28’ e 4.2 rimbalzi. Atleta esperto, duttile e capace di esaltare le doti dei compagni di squadra, ha raccolto titoli anche con la propria nazionale.

«Conosco Varese fin da quando sono bambino sia per la storia della società, costellata di successi nazionali ed internazionali, sia per le figure importanti che hanno scritto pagine storiche per questo club, Aza Nikolić su tutti. Per non parlare dell’ambiente e dell’aria che si respira qui, una città che vive di basket».

Quando Tepic ha ricevuto la chiamata di Andrea Conti, non ha quindi avuto dubbi: «So di non essere più giovanissimo, ma questa esperienza mi fa vedere le cose con una prospettiva diversa. Voglio dare il massimo possibile. Sono contento di giocare con un allenatore come Attilio Caja che, visti i miei precedenti in Italia, conoscevo già bene. È esigente e preciso nei dettagli, ma sono sicuro che questo possa portare ottimi risultati».

Nemmeno il ritardo nella preparazione atletica, rispetto ai compagni che sono al lavoro da settimane, per Tepic è un problema: «Da qui all'inizio del campionato abbiamo delle amichevoli importanti che mi aiuteranno a raggiungere il 100%. Il livello del campionato si è alzato parecchio; a fare la differenza saranno i piccoli dettagli. In generale la LBA è un campionato molto competitivo e decisamente poco scontato. Dovremo giocare di squadra fino alla morte per ottenere risultati importanti».

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore