/ Hockey

Cerca nel web

Hockey | 09 agosto 2019, 00:30

Hockey, il sogno dei Mastini adesso è davvero Re...ale

Colpaccio della società giallonera che convince il difensore ed ex capitano del Milano Alessandro Re (92 punti in 101 presenze nei tre anni di IHL): «Tifosi gialloneri incredibili e passionali, ho scelto Varese anche per questo»

Nel regno giallonero spunta un aspirante Re

Nel regno giallonero spunta un aspirante Re

«So che i tifosi gialloneri sono incredibili e passionali e ho scelto Varese anche per questo. Puntiamo ad essere competitivi in un campionato IHL di livello».

Nuovo colpo dei Mastini che portano al Palalbani l'ex capitano del Milano: il difensore Alessandro Re ha infatti firmato un contratto che lo legherà ai Mastini per la stagione 2019-2020. I gialloneri alzano quindi il "muro" difensivo viste anche le caratteristiche fisiche del ragazzo.

Alessandro ha 33 anni, gioca in difesa, ha un fisico possente di 92 chili distribuiti su 188 centimetri. E' un giocatore esperto, abile nella conclusione in porta ma bravo soprattutto a farsi dare il disco nel primo terzo di gioco.

Reduce dall'ultimo anno in AHL con Milano, dove ha disputato 39 incontri totalizzando 13 punti, il meglio lo ha dato proprio nei campionati precedenti in IHL, dove in tre anni ha messo a referto 92 punti in 101 presenze.

«Sono contento di iniziare una nuova avventura hockeystica con i Mastini - ha detto Alessandro - Ho scelto Varese perché ho visto in queste settimane che la società si sta muovendo molto bene sul mercato, ha fatto innesti importanti e sacrifici per poter competere per qualcosa di importante contro le prime della classe. Il campionato IHL è un bel torneo, in forte crescita. Volevo giocare un campionato di livello e Varese credo sia il posto giusto per poter avere ambizioni importanti e conciliare anche i miei impegni lavorativi».

Il neo difensore giallonero parla del pubblico del Palalbani: «L'altro fattore che mi ha convinto sono i tifosi. A Milano il pubblico era fantastico ma ho sempre saputo che Varese ricalca un po' le stesse caratteristiche. Mi hanno parlato dei tifosi gialloneri come di un popolo incredibilmente legato all'hockey, di una città che vive con passione i Mastini, che ha il desiderio di potersi identificare in qualcosa di passionale. Ho scelto Varese anche per questo».

«Certo è che per attirare i tifosi al palaghiaccio non bastano solo i "nomi" - aggiunge Alessandro - servono vittorie e concretezza. Sono curioso di vedere l'accoglienza alle prime partite di settembre.
Conosco bene i giocatori presenti in squadra. Alcuni erano con me a Milano, ma ho confidenza anche con il "blocco di casa". Con loro mi trovo alla grande.
La stagione scorsa è stata difficile per me, soprattutto da capitano del Milano: però dalle sconfitte si impara sempre qualcosa e certamente ora, con Varese, voglio provare a competere ancora per traguardi importanti. Con la squadra che la società sta allestendo e con l'aiuto di tutti è possibile. Ci vediamo a settembre».

A breve avrà inizio la campagna abbonamenti per la nuova stagione. L'obiettivo è ripartire a settembre da dove ci eravamo lasciati quella sera di giovedì 7 marzo 2019 durante l'ultimo match casalingo playoff, col Palalbani che ribolliva di gente, urla, tifo e tanto, tanto, tanto giallonero a colorare gli spalti.

Redazione


Vuoi rimanere informato sui Mastini Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo MASTINI VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP MASTINI VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore