/ Sport

Cerca nel web

Sport | 08 agosto 2019, 21:46

Basket, Caja sulla nuova stagione: «A Varese due più due dovrà fare cinque»

Il primo giorno a Masnago dell'Openjobmetis: parlano il coach, il general manager Andrea Conti e il sindaco Galimberti (che si è intrattenuto con Rosario Rasizza)

Basket, Caja sulla nuova stagione: «A Varese due più due dovrà fare cinque»

Attilio Caja è stato osannato a lungo dal pubblico di Masnago mentre, con il microfono in mezzo al parquet, ha parlato alla folla. Diretto, onesto, vero come sempre:  «Spesso, nello sport, due più due non fa quattro ma addirittura tre perché puoi spendere tanto e ottenere poco. Qui, a Varese, due più due deve fare cinque».

Prima, davanti alle telecamere aveva iniziato così, scherzando: «Non mi devo sedere davanti a voi, non sono la Parietti».

Poi, il metodo cajano di sempre: «Il 70 per cento dei giocatori sono nuovi, ci vorrà tempo. Molte altre squadre hanno preso grandi giocatori, le tre neopromosse non sono neopromosse. La squadra è nuova ma saremo competitivi, ne sono sicuro».

Poi, la frase della serata: «Dobbiamo fare in modo, come abbiamo fatto spesso, che due più due faccia cinque e non quattro, tanto meno tre».

Cosa ha detto Caja ai giocatori in spogliatoio? «Che oggi abbiamo scherzato e domani inizia il lavoro vero. Non abbiamo tempo da perdere».

Mancano centimetri sotto canestro? «Ci è sempre servita una cooperativa del rimbalzo, non è certo una novità. Peak deve sostituire Okoye e Scrubb, e Vene là sotto deve dargli una mano: gliel'ho già detto. E comunque dobbiamo suonare la stessa sinfonia e leggere la stessa pagina dello spartito: un giocatore non deve avere davanti pagina cinque e l’altro pagina dieci...».

Infine, un messaggio per Attilio Fontana, il governatore della Lombardia che ha iniziato a collaborare con VareseNoi (commenterà tutte le partite della Pallacanestro Varese: LEGGI QUI): «Attilio dice che questa squadra avrà finalmente due registi, me e Mayo. In realtà ne avrà tre, o addirittura quattro...» 

Dal coach al general manager Andrea Conti: «Responsabilità? Le accetto alla grande, è un onore farlo di fronte a questa gente. C’è molto da lavorare visto che siamo nuovi. Prima abbiamo scelto le persone e poi giocatori: nelle sapienti mani di Attilio si può creare la chimica giusta».

I giocatori su cui Conti ha dovuto battagliare di più? «Mayo e Vene. Uno solo? Mayo».

Anche il sindaco Davide Galimberti (video sotto) è arrivato a Masnago insieme ai due figli, che hanno chiesto autografi ai giocatori e a Caja, e alla fine si è intrattenuto con Rosario Rasizza a bordo parquet. Argomento? Ovviamente il palazzetto e tutti gli interventi possibili per renderlo veramente attrattivo prima e dopo le partite. 

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore