/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 06 agosto 2019, 19:07

Colpo di scena sullo stadio e non solo: scende in campo una società australiana. E' la stessa che ha presentato il progetto per il nuovo Rigamonti

Il Comune cala l'asso e coglie tutti di sorpresa: la società Centrum Stadia interessata a Franco Ossola, Varesello e ad altre strutture sportive e alberghiere legate alle Olimpiadi 2026.

Colpo di scena sullo stadio e non solo: scende in campo una società australiana. E' la stessa che ha presentato il progetto per il nuovo Rigamonti

E' di poco fa il comunicato del Comune di Varese che cala una carta a sorpresa sullo stadio. Dopo il bando che teneva unita la gestione di Franco Ossola e Varesello (leggi qui) e la decisione di affittare i campi dell'impianto di Masnago e del centro sportivo (leggi qui) l'amministrazione annuncia una grande novità. Ecco il comunicato.

«Sarebbe utile approfondire gli aspetti inerenti allo stadio Franco Ossola e al centro sportivo Varesello, in aggiunta a eventuali altre strutture con destinazioni sportiva (con riferimento alle Olimpiadi Invernali 2026), alberghiera e di alloggio per studenti». È un passaggio della lettera arrivata la scorsa settimana a Palazzo Estense direttamente da Melbourne, Australia. A firmarla è il legale rappresentante di Centrum Stadia, società che si occupa della realizzazione di progetti di sviluppo urbanistico che prevedono la costruzione di impianti sportivi e di strutture funzionali anche ad accoglienza turistica, servizi alle aziende ed esercizi commerciali.

«È un primo segnale importante – commenta il sindaco Davide Galimberti – dell'attenzione che i nostri impianti e la città intera sono in grado di suscitare anche dall'altra parte del mondo. Il contatto con la società è arrivato tramite la Camera di commercio italiana all'estero di Melbourne e il suo segretario generale John Caniglia, nonché grazie all'ambasciatore di Canberra in Italia Greg French, cui è stata inviata copia della lettera».

«Ci siamo già sentiti al telefono nelle scorse settimane - aggiunge il sindaco - e nel mese di luglio si è anche tenuto un incontro a Palazzo Estense con alcuni diplomatici australiani e i rappresentanti della Camera di commercio italiana all'estero di Melbourne. Contiamo poi di aggiornarci nei prossimi giorni. Siamo appena all'inizio, ma quanto avvenuto conferma la bontà della nostra scelta di guardare persino oltre confine, rendendo noto il bando comunale anche alle rappresentanze di diversi Paesi esteri».

«L'interesse – aggiunge l'assessore allo Sport Dino De Simonesi riferisce esclusivamente ai soli impianti e non, ovviamente, alla squadra calcistica cittadina. Ripartire dalle strutture però, come mostrano illustri esempi sia in Italia che all'estero, può essere un punto di partenza importante anche per lo sviluppo di tutte quelle realtà che sui campi in oggetto portano avanti la loro attività quotidiana».

La Centrum Stadia, già attiva in Italia e «in fase di trattativa – come spiega la lettera – con enti privati e amministrazioni comunali», è nota in Lombardia soprattutto per il progetto legato al nuovo stadio di Brescia, presentato lo scorso maggio. Non si tratta però della sola società australiana protagonista nella nostra regione: sul territorio lombardo, infatti, sono molteplici le aziende che investono in differenti progetti e campi.

«Le siamo grati – scrive la società australiana al sindaco – di averci comunicato le intenzioni del Comune di Varese in relazione alla riqualificazione di alcune aree urbane, nonché la sua visione di rafforzare il ruolo della città quale centro di eccellenza per lo sport e il turismo. Avendo preso visione del recente bando di gara, Centrum Stadia sarebbe interessata a discutere le attuali necessità di sviluppo urbanistico e gli obiettivi di medio-lungo termine del Comune di Varese, in un'ottica di intervento ad ampio respiro».

Il percorso quindi andrà avanti, in sinergia con ciascuno dei soggetti coinvolti. «La Camera di commercio e industria italiana di Melbourne – conclude il segretario generale John Caniglia – per conto di Centrum Stadia continuerà a lavorare con l'ambasciata australiana e anche con l'Austrade (agenzia legata al governo australiano, ndr)».

Redazione

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore