/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 04 agosto 2019, 10:07

STORIE D'ESTATE. Lettera a Varenne, "Il Capitano", costretto a lasciato la sua casa di Vigone (To) dopo 17 anni

Il toccante ricordo di Jacopo Brischetto, che inizia con “Ciao Amico mio”

(foto di Victoria Demuru)

(foto di Victoria Demuru)

Ricordate Varenne, il leggendario trottatore che ha stupito il mondo vincendo tutto tra il 1998 e il 2002? Ieri sera alle 22 il campionissimo del trotto nato il 19 maggio 1995, per tutti "Il Capitano", è stato costretto a lasciare dopo 17 anni la sua casa di Vigone (Torino), l'allevamento "Il Grifone", per una lite tra la proprietà e la società che lo gestiva che si è trascinata in Tribunale. Questa la lettera scritta dal titolare dell'allevamento a Varenne e pubblicata da torinoggi.it.

Ieri sera alle 22 Varenne ha lasciato Vigone dopo 17 anni per andare all'Equicenter di Inverno e Monteleone (Pavia). «Il trasferimento è stato concordato verso quell’ora, perché il cavallo potesse viaggiare di notte e non trovare traffico» spiega Roberto Brischetto, titolare dell’allevamento Il Grifone dove "Il Capitano" ha passato questi anni.

«Si chiude una pagina, ma il nostro lavoro ti porta ad andare avanti» commenta Roberto, mentre il figlio Jacopo è negli Stati Uniti per seguire una gara molto importante e trovare nuovi spunti e nuove idee. Ieri sera, comunque, sulla sua pagina Facebook ha voluto lasciare un toccante ricordo del "suo amico": «Ciao Amico mio. Grazie per questi fantastici 17 anni vissuti al tuo fianco, un privilegio che mi porterò nel cuore per tutta la vita. Grazie per tutte le avventure che mi hai permesso di vivere, cose che mai avrei potuto fare senza di te. Grazie per le tante persone che mi hai fatto conoscere. Grazie per ogni istante in cui hai ascoltato i miei silenzi e mi hai consolato con i tuoi occhi. Grazie per tutte le volte che mi è bastato guardarti in paddock per sentirmi felice».
E chiude così: «Spero che siamo stati degni di averti vissuto per 17 anni, metà della mia vita ed un quarto di quella di papà. Avrai sempre un posto speciale nel mio cuore, sempre. Ciao Varenne, grazie di tutto».

Marco Bertello

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore