/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 20 luglio 2019, 00:15

LA LETTERA. «Seguo il Varese da 40 anni e tutti i politici che contano sono spariti nelle difficoltà»

I lettori e i tifosi biancorossi continuano a scriverci sulla scomparsa del calcio da Varese dopo 109 anni. Michele: «Giorgetti, Galimberti, Maroni, Fontana e gli altri dove sono finiti?». Diteci anche voi ciò che pensate scrivendo una mail a redazione@varesenoi.it

La vera forza del Varese siamo noi. Noi tifosi

La vera forza del Varese siamo noi. Noi tifosi

I tifosi biancorossi ci scrivono, la ferita resta aperta e sanguina: la scomparsa del calcio a Varese dopo 109 anni continua a provocare reazioni (per fortuna: meglio dell'immobilismo o del silenzio). E noi continuiamo ad ospitare i pareri dei lettori-tifosi che hanno la libertà di scrivere ciò che credono e ciò che vogliono all'indirizzo redazione@varesenoi.it: le vere vittime di quanto è successo, infatti, sono loro. Così Michele risponde alla lettere di Luca (“Politici e imprenditori assenti, città in decadenza economica: Varese dovrà scordarsi la squadra di calcio. Per sempre").

Egregio Direttore,

relativamente alla lettera dell’amico Luca sulle sorti del nostro amatissimo Varese, non sarei così catastrofista, anche se la quintessenza di questo commento è sostanzialmente condivisibile.

In particolare quando cita i politici di questa città, nello specifico Giorgetti e l’attuale sindaco Galimberti, Maroni, Fontana & Co., tutti varesini doc., mi trova totalmente d’accordo. 

Troppo facile salire sul carro della vittoria e poi sparire letteralmente quando le cose girano nel senso opposto!


Comunque, da tifoso “veterano" del Varese (lo seguo da oltre 40 anni…), mi auguro che ancora una volta qualcosa di positivo possa ricominciare, pur in un contesto quanto mai disastrato. 

Come tempo fa’ diceva il buon Faber, "dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior…."


Ecco la lettera di Luca che ha provocato la risposta di Michele.

Egregio direttore, 
purtroppo Varese dovrà scordarsi una squadra di calcio per sempre.

Mi dispiace dirlo ma é la realtà dei fatti. Il fatto che non ci sia nessuno che voglia iscrivere una squadra almeno in terza categoria è sintomo di menefreghismo e di una decadenza economica e sociale della città.

Mi sorprende come possa resistere il basket ma anche le sue sorti sono segnate... Avellino docet. 

Molti imprenditori che hanno avuto molto da Varese si sono defilati verso altri lidi da sondare per una questione secondo me di tornaconto personale. 

A chi vuole che gliene freghi di una squadra di calcio a Varese fuori dalla provincia? 

Anche i politici si sono defilati, quelli che hanno sempre fatto passerella quando le cose andavano per così dire bene. Invece di stare vicini nel momento del bisogno sono scomparsi! 

No, non tornerà più nessuno nel vecchio e decrepito stadio di Masnago.

Michele

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore