/ Calcio

Cerca nel web

Calcio | 16 luglio 2019, 10:50

ADDIO CARISSIMO VARESE/3. Questa città non cancella solo una squadra di calcio ma un patrimonio storico

La testimonianza di Stefano, che arrivò per la prima volta a Masnago nel 2012 tagliando grana nell'hospitality prima di Varese-Pescara: «L'effetto che la squadra genera per la sua città è meraviglioso e speciale. Imperdonabile perderlo».

Un'immagine che è un pugno nello stomaco: De Luca segna il momentaneo 2-2 a Marassi nella finale di andata, si arrampica in mezzo alla marea biancorossa impazzita e il Varese sembra in serie A. Sono passati sette anni e il calcio sotto il Sacro Monte non esiste più

Un'immagine che è un pugno nello stomaco: De Luca segna il momentaneo 2-2 a Marassi nella finale di andata, si arrampica in mezzo alla marea biancorossa impazzita e il Varese sembra in serie A. Sono passati sette anni e il calcio sotto il Sacro Monte non esiste più

Ricordo tutto di quella prima notte. Le luci in lontananza, la gente che incolonnata entrava, colorata di biancorosso. Vivevo un sogno ad occhi aperti e per l'occasione mi ero messo pure in giacca e cravatta, ignaro che poi la mia tutor Paola mi avrebbe messo a tagliare il grana per la sala hospitality.

Vedevo tutto dall'interno, gli spogliatoi, la sala stampa, il campo. Era il 5 aprile 2012, Varese-Pescara, doppietta di Granoche. Fu il mio primo giorno di una storia durata 4 anni che si è interrotta nel modo più triste. Ma che mi ha lasciato la consapevolezza che ciò che rende così speciale la squadra di una città di provincia è il legame che crea fra le persone. Un turbinio di emozioni e amicizie che ti lasciano con il cuore pieno di felicità.

I miei ricordi sono legati alle persone che ho incontrato grazie al Varese. Colleghi, calciatori, giornalisti, fornitori, tifosi da tribuna, da distinti o da curva. Persone che entrano nella tua vita. E te la cambiano. Ecco spiegato il senso della frase "il Varese è un patrimonio storico della città".

Perché in fondo lo sappiamo tutti, non stiamo parlando solo di una squadra di calcio, sarebbe superficiale e riduttivo, mica piace a tutti il calcio. Ma l'effetto che la squadra genera per la sua città è meraviglioso e speciale. 

Forse ce lo siamo dimenticati tutti ormai. 

Quando il fallimento del 2015 spazzò via il mio sogno ho sofferto molto ma, seppur da fuori, avrei continuato a far parte del mondo speciale di cui parlavo. 

Mai avrei pensato che sarebbe stato possibile cancellare anche questo.

Una città come Varese non sta cancellando una squadra di calcio. Ma un suo patrimonio storico. Ed è qualcosa di imperdonabile. 

Stefano

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore