/ Varese

Che tempo fa

Cerca nel web

Varese | 04 luglio 2019, 15:39

Varese, ecco il bando per il palaghiaccio: chi lo vince avrà i 2 milioni già stanziati. Obiettivo: un gioiellino per le Olimpiadi 2026

Pista omologata per incontri di hockey internazionale e gare ufficiali di pattinaggio di figura, capienza minima almeno pari all'attuale (1.464 spettatori), piscina e spogliatoi conformi alle norme Coni: la modalità è quella del project financing

La pista del palaghiaccio di Varese vista dalla curva Nord durante una partita dei Mastini dell'hockey

La pista del palaghiaccio di Varese vista dalla curva Nord durante una partita dei Mastini dell'hockey

Il Comune di Varese ha pubblicato oggi il bando con cui cerca di individuare possibili finanziatori per la riqualificazione del palaghiaccio. L’obiettivo è quello di rilanciare uno degli impianti sportivi più utilizzati della provincia, che necessita però di un significativo intervento di ristrutturazione. L’altra convinzione dell’amministrazione è che questo impianto possa essere strategico per non perdere l’occasione storica di far parte dei prossimi giochi olimpici di Milano-Cortina 2026. 

Da questi presupposti nasce quindi l’avviso pubblicato oggi dal Comune di Varese per la ricerca di un operatore che realizzi il miglior progetto possibile, e il conseguente intervento, per rendere l’impianto di via Albani un’eccellenza sportiva in grado di contribuire a supportare l’attività legata alle Olimpiadi ma soprattutto far allenare appassionati, atleti e società (i Mastini, tra l'altro, sono in grande rilancio).  

Nell’avviso si legge anche che il Comune corrisponderà alla proposta di project financing vincente il contributo che l’amministrazione si era aggiudicata grazie al bando del CONI “Sport e Periferie”, ovvero circa 2 milioni di euro al netto dei ribassi di gara. «Un importante contributo dello Stato – ha detto il sindaco Davide Galimberti - grazie al quale oggi è possibile effettuare un significativa riqualificazione del più importante impianto sportivo della provincia di Varese».

Così il Comune di Varese intende accelerare sui tempi e con questo avviso sollecitare gli operatori economici interessati a presentare le loro proposte. 

«In città possediamo una struttura unica del suo genere, capace di unire aree dedicate agli sport su ghiaccio e altre al nuoto – spiega l’assessore allo Sport Dino De Simone – Una volta riqualificato, questo impianto avrebbe tutte le carte in regola per essere la casa delle attività di allenamento previste per le Olimpiadi 2026 e potrebbe svolgere sempre di più quel ruolo di attrattore sportivo non solo per la provincia. Per la città questa è un’opportunità da non perdere». 

Tra le specifiche richieste dal Comune si legge che la zona della pista da ghiaccio dovrà avere una disponibilità di posti a sedere per il pubblico almeno pari a quella attuale – 1464 spettatori – comprensivi di un settore destinato appositamente agli ospiti con servizi igienici dedicati. Inoltre l’impianto dovrà disporre di una pista da ghiaccio, di dimensioni 30x60 metri, omologata sia per lo svolgimento di incontri di hockey a livello internazionale, come da regolamenti dell'International Ice Hockey Federation, sia per le manifestazioni ufficiali di pattinaggio di figura (artistico, danza e sincronizzato). 

La zona delle piscine invece dovrà essere dotata di vasche che possano consentire, anche in contemporanea, le attività di nuoto libero, avviamento alle discipline acquatiche e dei corsi. Gli spogliatoi e i servizi igienici dovranno essere organizzati, nonché di dimensioni come prevedono le norme CONI e le varie normative in vigore nei diversi enti competenti. 

Il termine per l’invio delle proposte è il 30 settembre 2019.  Il bando è sul sito del Comune di Varese

Redazione

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore